mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Scuola per contadini nel Chianti: il 90 % dei “diplomati” ha trovato un lavoro stabile in agricoltura

    La presidente di Chiantiform (agenzia formativa promossa dai Comuni del Chianti) Elisa Corneli: “Tutti hanno firmato un contratto a tempo determinato con le aziende del territorio”

    SAN CASCIANO – Oltre il 90 per cento degli allievi formati attraverso i percorsi professionali, promossi da Chiantiform, hanno trovato un impiego nelle aziende agricole del territorio.

    Il sogno è diventato realtà per oltre 50 aspiranti contadini, tra ragazze e ragazzi di età compresa tra gli 14 e i 18 anni, che hanno investito risorse e vocazioni nella conoscenza e nell’apprendimento della lavorazione della terra.

    I giovani hanno colto l’opportunità formativa e occupazionale lanciata dall’agenzia chiantigiana che da sei anni ha intercettato e offerto una nuova strada ai giovani drop out, studenti che hanno abbandonato o interrotto il percorso di studi.

    I corsi professionalizzanti, OperAgri, Coltivando, Giovani in campo, Agritrasf, Opera.Agri 4.0, articolati su prove teoriche e pratiche valutate da una commissione esterna, hanno creato per decine di adolescenti una prospettiva per il futuro nel mondo della cultura rurale.

    “I giovani agricoltori, animati da motivazioni forti e idee chiare sull’amore per le tradizioni contadine e il mestiere in fattoria – dichiara Elisa Corneli, presidente di Chiantiform – lavorano oggi stabilmente presso alcune aziende agricole del territorio dopo aver effettuato un numero cospicuo di ore di lezioni in vigna”.

    A scuola… nel campo

    “E’ nelle realtà produttive locali – afferma con soddisfazione – che i ragazzi hanno messo a frutto le nozioni apprese in aula attraverso un corposo percorso di stage, come previsto dai corsi biennali, messi in piedi dal 2014 al 2020”.

    Il bilancio degli ultimi sei anni supera ogni aspettativa: il 90 per cento degli allievi ha trovato una collocazione nel mondo del lavoro, e tutti hanno firmato un contratto a tempo determinato.

    “Nei territori del Chianti – dichiarano i sindaci dei comuni promotori (Barberino Tavarnelle, Bagno a Ripoli, Greve in Chianti, San Casciano) – dove l’economia agricola occupano un posto di primo piano, la coltivazione della terra e le attività connesse sono diventate un punto di riferimento e un’occasione di orientamento per decine di ragazzi che nell’agricoltura hanno individuato un concreto sbocco professionale. Un aspetto fondamentale dei corsi è stata la collaborazione con le aziende del territorio”.

    Per avere informazioni dettagliate sulla nuova edizione del corso, in partenza a settembre 2021, Chiantiform attiva una nuova modalità rivolta alle famiglie con la possibilità di collegarsi attraverso videocall individualizzate nella fascia serale (ore 18-20) su appuntamento.

    A metà febbraio è previsto anche un open day virtuale alla presenza di tutto lo staff del corso. Iscrizioni sempre aperte: Chiantiform 055 8294624 – 338 1461865, www.chiantiform.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...