spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola per contadini, quarta edizione. Nuova classe di aspiranti agricoltori: iscrizioni aperte dal 9 gennaio

    Chiantiform ha ottenuto un nuovo finanziamento ministeriale pari a 270mila euro attraverso la Regione Toscana nell'ambito del progetto GiovaniSì

    CHIANTI FIORENTINO – Venti anni di formazione e lavoro nel Chianti fiorentino, celebrati con un “regalo” di fine anno che permetterà di generare nuove opportunità professionali nel territorio rivolte agli agricoltori del futuro.

    E’ la quarta edizione del corso triennale Agr.In.Chianti che suonerà la campanella a settembre 2023 per i giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni grazie al finanziamento ministeriale ottenuto dai cinque comuni del Chianti e di area fiorentina (San Casciano , Greve in Chianti, Barberino Tavarnelle, Impruneta e Bagno a Ripoli) che costituiscono e promuovono l’agenzia formativa con sede a San Casciano.

    All’importante realtà, che quest’anno ha raggiunto il traguardo dei venti anni, è stato assegnato il contributo statale, pari a 270mila euro complessive, per la costituzione di una nuova classe di operatori e operatrici agricoli.

    Il ministero, tramite fondi regionali nell’ambito di GiovaniSì, ha accolto la richiesta di finanziamento dei Comuni per la realizzazione del progetto di formazione professionale che mira a trasmettere ai giovani in uscita dalla scuola secondaria di primo grado e in abbandono scolastico, competenze specialistiche legate all’agricoltura sostenibile e all’accoglienza.

    “Siamo felici di poter proporre ancora una volta il percorso di istruzione professionalizzante legato al mondo rurale – dichiarano i sindaci – La nostra scuola è nata con l’obiettivo di contrastare il fenomeno sempre più diffuso della dispersione scolastica e investire sul futuro dei giovani”.

    “In un’area della Toscana – riprendono – dalle importanti potenzialità dal punto di vista economico, produttivo e ricettivo, vocata alle tradizioni agricole, allo sviluppo sostenibile, all’innovazione, alla valorizzazione e alla tutela del territorio attraverso l’agricoltura 4.0 e l’utilizzo delle risorse rinnovabili”.

    Una strada formativa a contatto con la natura che fa sognare e allo stesso tempo concretizza gli obiettivi dei più giovani introducendoli quasi nell’immediato nel mondo del lavoro attraverso un consistente periodo di stage nelle aziende agricole e agrituristiche del Chianti.

    “La scuola piace per la modalità con cui le ragazze e i ragazzi apprendono direttamente sul campo, in classe, nella sede di via della Libertà, e tra gli uliveti e i vigneti delle colline chiantigiane – spiega la presidente di Chiantiform Elisa Corneli – ricordiamo che il 90 per cento dei giovani diplomati ha trovato un’occupazione nel settore e alcuni di loro hanno aperto un’attività propria divenendo imprenditori agricoli”.

    Il corso, della durata di tre anni, si compone di oltre 3.160 ore complessive. Le lezioni teoriche si alternano a quelle laboratoriali con 800 ore di stage nelle imprese del territorio.

    Il corso, gratuito, è finalizzato alla formazione dell’addetto agli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di impianti, macchine ed attrezzature e permette l’assolvimento all’obbligo scolastico.

    Il numero degli iscritti previsto è pari a 15 allievi/e. Le iscrizioni sono aperte dal 9 gennaio 2023. Info: 0558294624, info@chiantiform.it.

    L’anniversario di Chiantiform, il lungo cammino formativo che ha sancito un profondo legame con il territorio, è stato celebrato in occasione di una tavola rotonda, allestita negli spazi di Villa Machiavelli, a Sant’Andrea in Percussina, nel comune di San Casciano.

    A fare gli onori di casa sono stati il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi e la presidente Elisa Corneli, affiancata dal suo staff, il direttore Giordano Meneghini, e le dipendenti Dorina Lile, Laura Lazzerini e Roberta Pierini.

    All’iniziativa hanno preso parte il portavoce del presidente della Regione Toscana Bernard Dika, il consigliere regionale Massimiliano Pescini, l’assessore di San Casciano Ferdinando Maida, il vicesindaco di Impruneta Matteo Aramini, le assessore Maria Grazia Esposito e Francesca Cellini di Greve in Chianti e Bagno a Ripoli.

    L’occasione di approfondimento ha permesso di accendere focus e trattare argomenti di grande interesse, come l’innovazione agronomica, il carbon farming, il biochar e l’agricoltura biologica.

    Gli interventi sono stati curati dagli esperti Gennaro Giliberti della Regione Toscana, Simone Orlandini dell’Accademia dei Georgofili e in rappresentanza dell’Università degli Studi di Firenze, Stefano Santarelli e Tommaso Barsali del Consorzio Record e Roberto Stucchi Prinetti del Biodistretto del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...