spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Viabilità provinciale del Chianti Fiorentino: avviati due importanti interventi

    Sulle Sp 118 "di Panzano-Testalepre" e Sp 93 "Certaldese I". Francesco Casini: "900 mila euro per qualificare la viabilità del territorio"

    CHIANTI FIORENTINO – Dopo l’avvio dei lavori lungo la Sp 66 “de La Panca” nel comune di Greve in Chianti, avvenuto la scorsa settimana e riguardante la messa in sicurezza della sede stradale al km 6+250, con sistemazione del versante a seguito di evento franoso e con un investimento di 230 mila euro circa, sono iniziati oggi, lunedì 12 dicembre, altri due interventi sulle strade provinciali del Chianti fiorentino.

    Il primo interessa la Sp 118 “di Panzano-Testalepre”, sempre nel comune di Greve in Chianti, presso la frazione di Panzano.

    Consiste nella messa in sicurezza del muro di valle al km 0+600, all’altezza della Limonaia di Pescille, mediante il consolidamento e il ripristino del muro in pietra crollato circa tre anni fa a causa di un movimento franoso.

    Si tratta di un investimento di 125 mila euro circa, finanziato interamente con le risorse del Ministero delle Infrastrutture dedicate agli interventi di manutenzione straordinaria sulla viabilità provinciale.

    Dopo una prima fase riguardante la realizzazione di una palificata, che comporterà la chiusura al transito della strada fino al 22 dicembre, i lavori saranno interrotti e la strada riaperta al transito dal 23 dicembre all’8 gennaio.

    Dal 9 gennaio i lavori riprenderanno e comporteranno nuovamente la chiusura al transito della strada fino al 15 febbraio, per poi spostarsi definitivamente, dal 16 febbraio al 14 aprile, nella parte sottostante la strada, sul resede di pertinenza della Villa della Limonaia.

    Il secondo intervento interessa la Sp 93 “Certaldese I”, nel comune di San Casciano, nel tratto tra San Casciano e San Pancrazio.

    Consiste nella fresatura dell’asfalto esistente per 4 cm di profondità e nella successiva stesa di conglomerato bituminoso tipo tappeto di usura 0/10 nel tratto dal km 2+200 al km 2+600 (poco prima della località Ponterotto) e nel tratto dal km 4+000 al km 6+900 (fino all’inizio del centro abitato di San Pancrazio).

    All’interno dei suddetti tratti, ove necessario, saranno effettuati dei risanamenti profondi attraverso l’utilizzo di conglomerato bituminoso tipo binder 0/20 spessore 6 cm, oltre, ovviamente, il rifacimento della nuova segnaletica orizzontale.

    I lavori termineranno entro l’anno e sono finanziati interamente con risorse di bilancio corrente della Città Metropolitana di Firenze, pari a complessivi 530 mila euro.

    “Per questi interventi, la Metrocittà ha stanziato 900 mila euro – dichiara Francesco Casini, consigliere della Città Metropolitana di Firenze delegato alla mobilità e alla viabilità di zona – Risorse importanti sotto il profilo economico-finanziario ma soprattutto perché serviranno a qualificare la viabilità del Chianti”.

    “Un traguardo raggiunto grazie al gioco di squadra con i sindaci del territorio – conclude – Si tratta comunque solo dei primi interventi di una lunga serie che vedrà impegnata la Città Metropolitana anche l’anno a venire. Obiettivo potenziare la viabilità chiantigiana sotto il profilo della sicurezza, della qualità ambientale e anche dell’estetica in chiave turistica”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...