spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 2 Ottobre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vigili dell’Unione: presidi e controlli nella fascia serale per tutto il periodo estivo

    Avviato il servizio serale a Greve, San Casciano e Barberino Tavarnelle, con pattuglie in strada dalle ore 20 alle ore 23

    CHIANTI FIORENTINO – Più sicurezza e sorveglianza nei Comuni di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle.

    Da alcuni giorni hanno preso il via i pattugliamenti serali della Polizia locale dell’Unione comunale del Chianti fiorentino.

    Sono i presidi effettuati dagli agenti che con le pattuglie in strada si alterneranno nelle diverse aree del territorio comunale, anche in relazione alle diverse manifestazioni estive, accompagnati da interventi mirati nel territorio.

    Si intensificano dunque gli interventi ad opera della polizia locale nei tre Comuni chiantigiani con l’obiettivo di monitorare e controllare il rispetto del Codice della Strada. Gli agenti sono impegnati ad effettuare il servizio dalle ore 20 alle ore 23.

    L’estensione dell’attività di controllo del territorio, voluta dai sindaci Roberto Ciappi, Paolo Sottani e David Baroncelli, sarà in funzione per tutto il periodo estivo.

    “Sicurezza è sinonimo di qualità urbana – dichiara il Presidente dell’Unione comunale Roberto Ciappi – l’attivazione del turno di notte delle pattuglie punta a garantire una presenza più costante e rassicurante al servizio delle nostre comunità”.  

    “E’ nostro compito offrire ai cittadini – rafforza – una risposta concreta in termini di capillarità e operatività”.

    “La sicurezza e il rispetto delle regole sono temi fondamentali – continua – il servizio può offrire un contributo significativo al miglioramento del decoro e dell’ordine pubblico nel territorio assicurando maggiore serenità alle nostre comunità”.

    L’area dell’Unione comunale del Chianti fiorentino che si estende su una superficie di circa 500 km quadrati per una popolazione complessiva di circa 45mila abitanti.

    Il servizio delle pattuglie in strada fino alle ore 23 si aggiunge alla riorganizzazione del servizio partita da alcune settimane.

    Una nuova impostazione che ha previsto la suddivisione delle varie attività della polizia locale in tre nuove aree: la sezione amministrativa, la sezione investigativa e la viabilità. L’intento è quello di potenziare il servizio e le relative funzioni di controllo.

    Il presidente Ciappi sottolinea l’importanza di investire sulla formazione degli agenti della polizia locale “con la finalità di dotarli di tutti gli strumenti necessari e utili a contrastare il fenomeno dell’abusivismo”.

    La polizia locale dell’Unione comunale del Chianti fiorentino ad oggi conta una trentina di agenti.

    Dal nuovo assetto del servizio scaturisce anche l’attivazione di un numero unico della Polizia locale dell’Unione comunale del Chianti fiorentino: 0559360111

    Formulando questo numero è possibile accedere alle informazioni relative alla Polizia locale e contattare in maniera diretta la centrale operativa della Polizia locale che agisce contestualmente sui territori di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle.

    Il numero è collegato alla centrale unica della Polizia locale che risponde alle chiamate e provvede a smistare le richieste e le segnalazioni dei cittadini sui tre comuni.

    Rispondendo alla chiamata inoltrata al Numero Unico, l’operatore della centrale unica riceve in tempo reale la richiesta che, integrando le informazioni con la tipologia di soccorso necessario o dell’eventuale segnalazione, riferisce e assegna l’incarico agli agenti e ai soggetti a cui compete l’intervento nei territori interessati.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...