spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Pontignano la struttura riaperta a settembre: il taglio del nastro previsto il 7 giugno

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Taglio del nastro per il nuovo nido d’infanzia “Marameo” di Pontignano, nel comune di Castelnuovo Berardenga.

     

    Venerdì 7 giugno, alle 17, infatti, si terrà l’inaugurazione ufficiale della struttura riaperta a settembre scorso dopo i lavori di ampliamento. Si tratta di un nido d’infanzia “a misura di bambino”, realizzato dosando con attenzione la luce naturale, i colori e l’uso dei materiali per creare spazi armonici di gioco e riposo e che ospita 24 piccoli castelnovini di età compresa tra i 12 e i 24 mesi.

     

    All’inaugurazione interverranno il sindaco Roberto Bozzi; l’assessore all’istruzione, Annalisa Giovani; l’assessore provinciale, Gabriele Berni; il consigliere regionale Pd, Rosanna Pugnalini e i clown di corsia "NasieNasi".

     

    I lavori di ampliamento. La struttura di Pontignano è ubicata in campagna, a due passi dalla certosa e si presenta come un nido funzionale, ben attrezzato e attento al benessere dei bambini. Grazie ai lavori di ampliamento, realizzati dal Comune di Castelnuovo Berardenga per aumentare la capienza della struttura, si è passati da 43 a 120 metri quadrati di superficie, aumentando di 16 unità i posti disponibili.

     

    Gli spazi interni sono stati pensati, progettati e costruiti per accogliere al meglio i bambini: i soffitti e i pavimenti sono in legno, le pareti sono state tinteggiate con tinte calde e colorare, la disposizione e la tipologia delle aperture, con ampie vetrate, sono state ideate per garantire il passaggio della luce dando la sensazione di essere quasi all’aperto.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua