spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Villa Chigi il 19 dicembre nel pomeriggio canti, balli, musica. E… Babbo Natale con l’elfo Franz

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Alla Residenza assistita di Villa Chigi a Castelnuovo Berardenga arriva Babbo Natale.

     

    Giovedì 19 dicembre,  su iniziativa della locale Confraternita di Misericordia, si svolgerà “Nel canto del foco”, un pomeriggio in allegria con la rievocazione delle veglie contadine, grazie al narratore Mario Ghisalberti. A seguire musica e balli, in attesa dell’arrivo di Babbo Natale e del suo elfo Franz.

     

    “Il pomeriggio alla casa di riposo non sarà un semplice evento di intrattenimento per scambiarsi gli auguri – dice il governatore della Misericordia Valerio Scali – ma un appuntamento che fa parte di un progetto nato per coinvolgere tutta la comunità castelnovina. Mi auguro quindi che saranno in molto a partecipare, anche agli appuntamenti futuri in modo da favorire la socializzazione e l’integrazione degli ospiti più anziani".

     

    "Molti di loro non sono di Castelnuovo – sottolinea – ed è per questo che la partecipazione di tutto il paese sarà ancora più importante per farli sentire parte del nostro Comune”.

     

    Per i più piccoli la Misericordia dà la possibilità di avere, a casa, la visita di Babbo Natale, accompagnato dall’elfo Franz, grazie all’aiuto dei volontari della Confraternita. E’ possibile prenotare la “visita a domicilio” di Babbo Natale il 24 dicembre chiamando il numero  338 – 8899793. Il ricavato andrà ai servizi sociali della Confraternita.

     

    Per info puoi consultare la Pagina Fb “Babbonataleacastelnuovo” o il sito della Misericordia http://misecastelnuovoberard.altervista.org.index.html.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...