spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tanti i premiati fra Chianti fiorentino e senese. Grande riconoscimento al Castello di Gabbiano

    CHIANTI – "Best of Wine Tourism": diffusi i nomi dei vincitori dell'edizione 2014 ed è davvero un "fiorire" di aziende del Chianti senese e fiorentino.

     

    La giuria fiorentina del premio Best of Wine Tourism ha appena designato i vincitori per il 2014. Il concorso premia le aziende che hanno orientato la loro attività verso il turismo del vino, che in qualche modo si sono fatte ambasciatrici di un prodotto, di una cultura, di una tradizione. Inoltre, alcune delle aziende vincitrici della passata edizione saranno presenti al Florence Wine Event, kermesse dedicata ai vini di qualità che animerà l’Oltrarno fiorentino il 9 e 10 novembre.

     

    Giunto quest’anno all’undicesima edizione, il concorso si svolge in due fasi: una prima selezione avviene in tutte le dieci città del mondo che compongono la rete, successivamente una giuria composta da un rappresentante per ognuna delle dieci città sceglie il vincitore di livello internazionale.

     

    Le numerose candidature e il livello sempre crescente della qualità dei partecipanti hanno reso il compito della scelta sempre più arduo. In particolare si sono dimostrate degne di nota alcune aziende che hanno partecipato per la categoria “Ricettività”, mentre scarsa è stata la presenza di domande per la categoria “Arte e Cultura”, nessuna domanda per la categoria dei “Servizi del turismo del vino”.

     

    Le aziende che hanno vinto il premio della categoria sono già state oggetto della selezione da parte della giuria internazionale, che si è riunita il 3 novembre a San Francisco, durante il meeting annuale della rete Great Wine Capitals, quindi possiamo svelare anche il nome dell’azienda che ha ottenuto il premio internazionale: ovvero Castello di Gabbiano (nella foto), nel comune di San Casciano.

     

    Per l’edizione 2014 i vincitori sono…

     

    Categoria Ricettività ex aequo

    Agricola San Felice – Castelnuovo Berardenga (SI): per l’eccellente livello di accoglienza garantito nella struttura alberghiera, (affiliata a Relais & Chateux), risultato di un’ottima opera di restauro del borgo medievale omonimo. Un raffinato hotel dotato di tutti i comfort, centri benessere, centro convegni, piscina, attrezzature sportive e di un eccellente ristorante. La professionalità caratterizza anche le visite e degustazioni guidate in cantina e in enoteca con i pregiati vini della produzione aziendale.

    Castello di Gabbiano – Mercatale Val di Pesa (FI): per l’ottimo livello di qualità offerto nella suggestiva ambientazione delle camere nel castello e nella casa colonica del XVI secolo, dove l’arredamento è particolarmente curato, il comfort e la cortesia sono diffusi e percepiti ovunque e si abbinano alla professionalità dell’accoglienza. L’enoteca offre una immersione totale nel mondo del Chianti Classico.

     

    Categoria Ristoranti del vino

    Enotria – Via delle Porte Nuove 50r – Firenze (FI): perché propone qualità e tradizione all’insegna del buon vino, con una cucina che utilizza le migliori materie prime, ricercate freschissime ogni giorno. La cantina, in costante movimento, offre etichette importanti ma anche piccoli produttori. Da apprezzare i vari appuntamenti organizzati durante l’anno per neofiti e appassionati.

     

    Categoria Architettura, parchi e giardini

    Castello La Leccia – Castellina in Chianti (SI): per il restauro del castello, risalente al 1077 e fortemente danneggiato nel corso dei secoli, con la trasformazione in una struttura di agriturismo che propone atmosfere raffinate e intime, realizzate con l’utilizzo di materiali e tecnologie eco-compatibili, in una collocazione panoramica con vista sul Chianti. I pavimenti in legno, i colori pastello, le preziose stoffe e i mobili su misura contribuiscono a creare un’ambientazione dove è facile sentirsi coccolati.

     

    Categoria Esperienze innovative nel turismo del vino

    Tenuta di Poggio Casciano – Ruffino srl – Bagno a Ripoli (FI): per le attività di ricerca svolte in collaborazione con l’Università di Firenze che prevedono un monitoraggio agronomico e una microvinificazione e consentono di verificare le risposte di un determinato vitigno a particolari microclimi. Il tutto ambientato in una villa rinascimentale, arricchita da una collezione di stampe antiche con soggetti legati al vino.

     

    Categoria Arte e Cultura

    Castello di Poppiano – Montespertoli (FI): per gli eventi culturali ed enogastronomici ambientati nel suggestivo castello di origini medievali, dove si respira la storia della famiglia Guicciardini, proprietaria da secoli dell’azienda, e dei vari personaggi che vi hanno lasciato un segno. Nella fattoria è possibile effettuare degustazioni e visite alle cantine e al frantoio.

     

    Categoria Pratiche ecologiche nel turismo del vino

    Azienda Agricola Panzanello – Greve in Chianti (FI): per la semplicità e la schiettezza con cui il visitatore viene proiettato nel mondo del vino, dovuta al coinvolgimento diretto dei proprietari nelle attività di accoglienza, degustazione e visita delle cantine. La passione per il vino e l’amore per la terra che li caratterizzano vengono trasmesse dalle persone e dai prodotti che vengono offerti.

     

    Promotore dell'iniziativa è la rete internazionale Great Wine Capitals di cui fanno parte 10 città del mondo a forte vocazione vitivinicola: Firenze, Bordeaux, Bilbao, Christchurch, Città del Capo, Mainz, Mendoza, Porto, San Francisco-Napa Valley e Valparaiso-Casablanca Valley.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...