spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Premiato a Castelnuovo dove “ha dimostrato di essere un uomo semplice e gentile”

    CASTELNUOVO BERARDENGA – "Ho appreso con sgomento e con sincero dolore dell’improvvisa scomparsa di Giuliano Gemma. Lo avevo conosciuto pochi giorni fa a Castelnuovo, quando aveva ricevuto il premio alla carriera al Terra di Siena Film Festival come protagonista del film Il Deserto dei Tartari".

     

    A dirlo è il sindaco di Castelnuovo Berardenga Roberto Bozzi, che ricorda così Gemma (nella foto sopra sono insieme), scomparso all'improvviso a causa di un incidente stradale: "Mi aveva colpito la sua gentilezza, la sua cordialità e il modo semplice e diretto di approcciarsi agli altri e soprattutto a quanti lo hanno seguito nel corso della sua straordinaria carriera".

     

    "Giuliano Gemma – prosegue Bozzi – è stato uno degli indiscussi protagonisti del cinema italiano. Il suo volto nei miei ricordi e in quello di milioni di persone, era legato alla storia del Western all’italiana, grazie a film record di incassi come Una pistola per Ringo e Il ritorno di Ringo di Duccio Tessari, Arizona Colt di Michele Lupo, Adiòs Gringo di Giorgio Stegani".  
     

    "Pochi giorni fa – rammenta – durante la premiazione a Castelnuovo, parlando del suo percorso professionale, mi aveva confidato quanto fosse stato importante per lui aver interpretato nel 1976 il ruolo del Maggiore Mathis nel film di Valerio Zurlini Il Deserto dei Tartari. Quello secondo Gemma fu il film che gli permise di inaugurare una nuova fase della sua carriera, lasciandosi alle spalle la caratterizzazione del personaggio western che gli avevano cucito addosso".

     

    "Parlando di sé – conclude Bozzi – e della sua carriera al fianco di registi e attori internazionali del calibro di Kirk Douglas, Henry Fonda, Catherine Deneuve, Alain Delon e Rita Hayworth trapelava una semplicità e una modestia che mi sono rimaste impresse dentro. La sua improvvisa scomparsa ha lasciato un segno dentro di me e dentro tutti coloro che domenica scorsa lo hanno sentito parlare dal palco del Teatro Alfieri".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...