spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Carabinieri forestali al lavoro in provincia di Siena: a Radda in Chianti “truccavano” l’età delle querce…

    Nel comune raddese due persone denunciate e sanzionate per oltre 16.500 euro. Altro intervento nel comune di Piancastagnaio

    CHIANTI SENESE – Proseguono a tappeto i controlli dei carabinieri forestali nei cantieri boschivi della provincia di Siena.

    Dove, anche grazie alle segnalazioni di cittadini ed associazioni, si continuano a registrare varie irregolarità nella conduzione dei tagli boschivi, sia di natura amministrativa che penale.

    In particolare, nei giorni scorsi, la Stazione carabinieri forestale di Radda in Chianti, al termine di complessi accertamenti tecnici condotti in un cantiere forestale nel comune raddese, ha accertato che i soprassuoli boschivi di specie quercine utilizzati presentavano un’età superiore rispetto a quella dichiarata, al fine di ottenere i necessari titoli abilitativi.

    Nello specifico, per alcuni lotti boschivi, è stata riscontrata un’età superiore a 36 anni, limite oltre il quale il bosco ceduo quercino è da considerarsi “invecchiato” ai sensi di legge. E pertanto la sua utilizzazione avrebbe necessitato di espressi atti autorizzativi.

    Inoltre è stato accertato un prelievo di piante matricine superiore a quanto consentito con i titoli abilitativi comunque ottenuti.

    Sono stati così deferiti alla competente autorità giudiziaria due persone per illecito paesaggistico-ambientale ed altri reati specifici previsti e puniti dalla normativa penale in materia.

    Emesse anche sanzioni amministrative per complessivi 16.522,50 euro per la violazione della normativa forestale regionale.

    Oltre alla sanzione amministrativa prevista per l’illegale commercializzazione del legname utilizzato, di importo variabile da determinarsi a cura dell’autorità competente.

    In un altro cantiere forestale, nel comune di Piancastagnaio, la Stazione carabinieri forestale di Abbadia San Salvatore ha accertato che il taglio della fustaia di pino nero era stato condotto in assenza del necessario titolo abilitativo, richiesto ma non ancora ottenuto.

    Anche in questo caso è stato contestato, a carico di un soggetto, l’illecito paesaggistico-ambientale previsto e punito dalla normativa penale in materia. Ed è stata elevata sanzione amministrativa dell’importo di 720 euro.

    L’attività di controllo dei carabinieri forestali della provincia di Siena proseguirà anche nei prossimi mesi, in linea con le disposizioni nazionali del Comando Generale dell’Arma, al fine di verificare la corretta esecuzione dei tagli boschivi e la legalità del legname messo in commercio.

    Con particolare riferimento alle zone a maggior pregio naturalistico, come le aree protette provinciali, i siti Natura 2000 (SIC/ZPS), i territori sottoposti a vincolo paesaggistico e le aree appartenenti al demanio idrico.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...