spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo: sabato la presentazione del Centro di raccolta rifiuti a Cornia

    La struttura sarà gestita da Sei Toscana e torna operativa (dopo alcuni lavori di adeguamento) dal 15 aprile

    CORNIA (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Sabato 30 marzo, alle 11, sarà presentato il Centro di raccolta rifiuti di Castelnuovo Berardenga, in località Cornia, tornato operativo dopo alcuni interventi di adeguamento.

     

    La struttura sarà gestita da Sei Toscana e andrà ad affiancare l’altro Centro di raccolta a servizio dei cittadini di Castelnuovo Berardenga che si trova a Pianella.

     

    L’appuntamento vedrà la partecipazione di Fabrizio Nepi e Alessandro Maggi, rispettivamente sindaco e assessore all’ambiente di Castelnuovo Berardenga, e di Leonardo Masi, presidente di Sei Toscana.

     

    Sempre sabato 30 marzo Comune di Castelnuovo Berardenga aderirà all’iniziativa Earth Hour 2019, promossa a livello mondiale dal WWF, con lo spegnimento di tutta l'illuminazione di Piazza Marconi dalle ore 20.30 alle ore 21.30.

     

     

    Orari e tipologie di rifiuti nel Centro di raccolta a Cornia

     

    Il Centro di raccolta in località Cornia sarà aperto ufficialmente da lunedì 15 aprile ogni lunedì, dalle ore 15 alle ore 18; mercoledì e sabato dalle ore 9 alle ore 12 e venerdì dalle ore 15 alle ore 18.

     

    Presso la struttura sarà possibile conferire materiali recuperabili, come grandi e piccoli elettrodomestici, mobilia, olio alimentare esausto, pneumatici fuori uso, legno e metallo e toner esausti.

     

    Per approfondire i servizi del Centro di raccolta, è possibile consultare la sezione dedicata alla gestione dei rifiuti a Castelnuovo Berardenga sul sito di Sei Toscana.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...