spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nell’abitacolo della25enne colpita all’addome un’ogiva di proiettile che porta in questa direzione

    Si indaga nel mondo del bracconaggio per riuscire a capire chi, nel primo pomeriggio di martedì scorso, abbia lasciato partire il colpo di fucile che è finito nell'abitacolo dell'auto della 25enne senese che stava transitando sulla carreggiata in direzione Siena dell'Autopalio (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    La ragazza, che se la caverà con piccole ferite ed escoriazioni, è ancora sotto choc. Ma ha raccontato agli inquirenti quel che è accaduto: da quel finestrino (lato passeggero) aperto per alleviare il caldo, al colpo che ha sentito e all'istinto di proteggersi che forse l'ha salvata da conseguenze peggiori.

     

    L'incredulità, lo stupore, fino a capire quello che le era capitato. Che ha destato preoccupazione nei tanti che ogni giorno si trovano a transitare lungo la Firenze-Siena.

     

    L'ogiva in piombo ritrovata dentro all'abitacolo dell'auto fa propendere verso colpi utilizzati per la caccia di frodo al cinghiale: il prefetto di Siena Renato Saccone ha chiesto subito un rafforzamento dell’attività di vigilanza anti bracconaggio nella provincia senese.

     

    Va in questo senso la richiesta avanzata a polizia provinciale e Corpo forestale affinché aumentino la vigilanza nelle zona interessata dall’evento; inoltre, il comando provinciale dei carabinieri aumenterà la vigilanza su tutto il territorio provinciale. La squadra mobile si sta occupando delle indagini.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...