venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    “La nuova Bandiera Arancione della Berardenga? Il diserbante dato nelle vigne”

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Riceviamo e pubblichiamo la denuncia di Andrea Pagliantini, relativi ai diserbanti utilizzati in vigna.

    Ilio Raffaelli è un lungimirante novantaquattrenne che fra il 1960 e il 1980 è stato sindaco di Montalcino, raccogliendo la stima di compagni e avversari per la sua schiettezza, per la sua lucidità di ragionamento e per il suo sincero amore per il borgo dove la gente fuggiva dall’arretratezza e dalla fame.

    Premiato nel recente “Benvenuto Brunello”, Ilio Raffaelli ha dichiarato: “Non serve l’eccellenza, ma l’unicità il futuro del Brunello deve essere totalmente biologico. Meglio meno bottiglie e più care, ma il territorio deve rimanere integro”.

    Farlo capire ai tempi moderni è cosa parecchio più complicata: se si scambia la Bandiera Arancione del “Touring Club” per l’arancio del diserbante dato ai piedi delle viti a breve distanza dalle prime case del capoluogo, è segno che si è molto ottusi e abituati a far propaganda senza guardare nè alla salute, nè al futuro.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino