spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sta girando le riprese per lo Slow Movie Contest il regista Alessandro Darim Da Prato

    GAIOLE IN CHIANTI – Alessandro Darim Da Prato è, assieme ad Alina Gorlova, l’ultimo regista che girerà quest’anno per Slow Movie Contest. E’ arrivato a Gaiole in Chianti, il comune che gli è stato assegnato, lunedì 23 settembre, accompagnato dal suo assistente Carlo Carmazzi.

     

    Eil giorno seguente ha incontrato il sindaco, Michele Pescini, e il vicesindaco e assessore alla cultura, Debora Montagnani, assieme a Demetria Verduci, direttrice di Slow Movie Contest.

     

    Nel fare il resoconto del suo primo giorno di tour sul territorio, Darim ha spiegato che, fra le attività visitate, quella che ha destato più il suo interesse è stato lo studio di ceramica Fernandez, e che ha particolarmente apprezzato la gentilezza e la disponibilità delle persone incontrate, sia durante i suoi giri in paese, sia  all’ufficio turistico, dove gli hanno fornito mappe e materiale informativo.

     

    “Gaiole – ha detto l’assessore Montagnani, segnalando al regista varie location  di particolare interesse da cui  trarre spunti per le riprese – è un territorio ricco di architetture molto importanti e di case coloniche che conservano lo spirito della tradizione toscana”.

     

    Fra i luoghi di Gaiole citati da Montagnani, anche l’Auditorium, la cornice ideale dove presentare il corto a tutta la cittadinanza, dopo l’anteprima ufficiale al Cinema Odeon di Firenze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...