spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Approvato il provvedimento portato in giunta regionale dall’assessore Salvadori

    Approvata dalla giunta regionale della Toscana una delibera relativa al “piano operativo per l’allineamento dei vigneti”.

     

    La delibera è stata portata in approvazione dall’assessore regionale all’agricoltura Gianni Salvadori che ha spiegato il provvedimento con la necessità riallineare le superfici derivanti dalla misurazione grafica (GIS – Geographic information system) con le superfici registrate nello schedario viticolo in ossequio alle più recenti disposizioni dell’Ue sul controllo del potenziale viticolo.

     

    La Regione Toscana dispone da tempo di uno schedario viticolo, cioè un censimento di tutte le superfici vitate, che è in forma alfanumerica. Lo schedario è tenuto da ARTEA (l’agenzia della Regione Toscana per i pagamenti in agricoltura) attraverso il proprio sistema informativo ed è costantemente aggiornato dai procedimenti amministrativi inerenti tutte le variazioni (estirpazioni, reimpianto vigneti) che vengono curati dalle aziende agricole e dalle Province.

     

    All’interno di questo schedario viticolo sono registrate anche tutte le superfici idonee a produrre vini a denominazione di origine, Dop e Igp.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua