spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gaiole in Chianti: la sicurezza del territorio in un convegno sulla Protezione civile

    Appuntamento sabato 10 dicembre alle ore 17 nelle ex Cantine Ricasoli con esperti di livello locale e nazionale

    GAIOLE IN CHIANTI – “Protezione civile: mitigare il rischio e affrontare le emergenze”. E’ questo il titolo del convegno in programma sabato 10 dicembre, alle 17, nelle ex Cantine Ricasoli a Gaiole in Chianti, con la partecipazione di geologi ed esperti del settore a livello locale e nazionale.

     

    L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale con la collaborazione della Protezione civile di Gaiole in Chianti, che tornerà in piazza Ricasoli domenica 11 dicembre, a partire dalle 15, con i propri mezzi durante i Mercatini di Natale organizzati in collaborazione con la Pro Loco. Ad arricchire la giornata dedicata a bambini e famiglie nello spirito natalizio, sarà la presenza dei vigili del fuoco di Siena con i loro automezzi.

     

    Il convegno si aprirà con i saluti istituzionali ed entrerà nel vivo con gli interventi di numerosi e qualificati ospiti.

     

    Il primo contributo sarà dedicato alla sicurezza idraulica e rischio residuo con Pier Gino Megale, già Commissario straordinario delegato per interventi di mitigazione del rischio idraulico per la Toscana e membro dell’Unità di consulenza SOGESID presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

     

    Il rischio sismico e una sua corretta mitigazione a livello generale saranno al centro dell’intervento di Riccardo Mario Azzara, fisico dell’Istituto nazionale geofisica e vulcanologia, mentre Luciano Lazzeri, geologo esperto, parlerà degli scenari di rischio nel territorio comunale di Gaiole in Chianti.

     

    Il convegno proseguirà con i contributi di Domenico Carriero, vice comandante e responsabile emergenza e servizio tecnico comando dei vigili del fuoco di Siena, che racconterà il ruolo del Corpo nell’emergenza sismica, e di Elvezio Galanti, del Dipartimento Scienze della Terra dell’Università di Firenze e già direttore generale del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, che approfondirà come convivere con il terremoto tra conoscenza, coscienza e autodifesa.

     

    A chiudere l’appuntamento sarà Leonardo Tomassoli, presidente dell’associazione "La Racchetta" per un contributo sul ruolo del volontariato nella gestione delle emergenze e di altre attività a tutela della comunità.

     

    “Il convegno – afferma Michele Pescini, sindaco di Gaiole in Chianti – sarà un’occasione importante per approfondire i temi legati alla sicurezza dei cittadini e alla protezione civile in compagnia di esperti qualificati a livello locale, provinciale e nazionale".

     

    "Abbiamo voluto dedicare la necessaria attenzione al tema della sicurezza – prosegue – cominciando con l’informazione al cittadino, affinché si capisca che anche un ruolo attivo da parte di quest’ultimo è fondamentale nella gestione delle emergenze. Il primo ‘protettore’ di ognuno di noi, infatti, siamo noi stessi e per questo motivo è fondamentale essere informati".

     

    "Con questo scopo – conclude il sindaco – abbiamo dedicato a questo tema anche la giornata successiva di domenica, con la festa di Natale in Piazza Ricasoli, per sensibilizzare anche i più piccoli su tali argomenti attraverso il gioco e la magia del Natale. Iniziative con cui vogliamo portare avanti l’obiettivo di dirottare le nostre poche risorse, anche economiche, in questa direzione, che oggi valutiamo come assoluta priorità per la comunità e il territorio”.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...