spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grazie ai fontanelli pubblici. Nei Centri di raccolta differenziata 240 tonnellate di rifiuti

    Circa 100mila bottiglie in plastica risparmiate, 4mila e 500 chili di anidride carbonica non immessi nell’aria e due Centri di raccolta differenziata attivi dal lunedì al sabato che, insieme al servizio porta a porta, hanno permesso di raccogliere 240 tonnellate di rifiuti differenziati.

     

    Sono questi i numeri dell’impegno del Comune di Castelnuovo Berardenga a sostegno e tutela dell’ambiente nel 2012. In particolare, il risultato dei rifiuti elettronici raccolti (Raee) e avviati alla fase di riciclo, si colloca ben al di sopra dell’obiettivo europeo di 4 chili per abitante, con circa 5,67 chili di rifiuti raccolti in media pro capite.
     

    I FONTANELLI PUBBLICI

     

    “Le strutture, aperte a metà 2012 presso la scuola elementare “Elia Mazzei” e a Quercegrossa presso gli impianti sportivi di via di Petroio – spiega Fabrizio Nepi, assessore all’ambiente – hanno fornito nei primi cinque mesi circa 140mila litri di acqua, ma l’aspetto più significativo è quello relativo al risparmio ambientale".

     

    "Con l'utilizzo dell’acqua dei fontanelli pubblici – prosegue Nepi – si è evitata la produzione di quasi 100mila bottiglie in plastica da 1,5 litri che, messe in fila, avrebbero coperto una distanza di 3 chilometri. Ciò ha permesso di risparmiare circa 1000 chili di Co2 necessari per la produzione delle bottiglie; circa 1500 chili di CO2 necessari per lo smaltimento delle bottiglie e 2mila chili di Co2 necessari al trasporto delle bottiglie dai grossi Centri di distribuzione alle abitazioni. Meno plastica da smaltire, quindi, meno tir per strada per trasportare le bottiglie, meno danni all'ambiente e più soldi nei portafogli dei cittadini grazie al minor costo dell’acqua dei fontanelli rispetto a quella in commercio”.
     

    I CENTRI DI RACCOLTA

     

    “Nell’estate 2012 – continua l’assessore – abbiamo aperto un nuovo Centro di raccolta in località Cornia e rinnovato e riaperto quello di Pianella. Presso le strutture i cittadini possono conferire: legno, vetro, imballi in carta e cartone, imballi in plastica, rifiuti ingombranti, metalli e tutti i Raee (frigoriferi, televisori, lavatrici, lavastoviglie, computer, piccoli elettrodomestici rotti, lampade a basso consumo), pneumatici e batterie per auto, oli minerali e vegetali usati. Tutti i rifiuti, se correttamente valorizzati, possono, poi, essere avviati al riciclo. Per disfarsi degli ingombranti i cittadini possono anche richiedere il ritiro a domicilio, un servizio erogato gratuitamente come per i Centri di raccolta. In particolare, in soli nove mesi di attività sono state raccolte 60 tonnellate di ingombranti; 29 tonnellate di metalli e imballaggi metallici; quasi 40 tonnellate di Raee; 50 tonnellate di legno pulito e ben 37 tonnellate di sfalci verdi e potature per un compost di ottima qualità”.
     

    I Centri di raccolta sono entrambi gestiti dal Comune con la collaborazione della cooperativa “Solidarietà” di Monteriggioni. Il Centro di Cornia è aperto, in inverno, il lunedì e il sabato dalle ore 9 alle ore 12 e il mercoledì dalle ore 15 alle ore 18; mentre per il Centro di Pianella il martedì e il sabato dalle ore 9 alle ore 12 il e giovedì dalle ore 15 alle ore 18. Per il ritorno porta a porta degli ingombranti è possibile chiamare Sienambiente al numero verde di 800 127 484.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua