spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Spaghetti Western nel Chianti. Castellina: al Cinema sotto le stelle “Continuavano a chiamarlo Trinità”

    Giovedì 23 luglio alle ore 21 proiezione del film con Bud Spencer e Terence Hill (che hanno frequentato a lungo Castellina per l'amicizia con Italo Zingarelli)

    CASTELLINA IN CHIANTI – C’è aria di western nel nuovo appuntamento di Cinema sotto le stelle, in programma giovedì 23 luglio, alle ore 21, all’Altroché Wine Bar di Castellina in Chianti.

    La rassegna itinerante che animerà l’estate castellinese renderà omaggio a un grande classico del western all’italiana, “Continuavano a chiamarlo Trinità”, con Bud Spencer, Terence Hill per la regia di Enzo Barboni.

    Terence Hill e, soprattutto, Bud Spencer, che negli anni sono stati assidui frequentatori di Castellina, vista l’amicizia con il produttore cinematografico Italo Zingarelli, proprietario di Rocca delle Macie.

    # Bud Spencer e il Chianti: una storia legata a Rocca delle Macie

    Per entrare nelle atmosfere del film, prima della proiezione, sarà possibile degustare lo speciale “menù Trinità” e un calice di Chianti Classico. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare allo 0577732299.

    Il prossimo appuntamento con il “Cinema sotto le stelle” è per sabato 25 luglio, in Piazza del Comune, con la proiezione del film “Il Cammino di Santiago”, pellicola del 2010 scritta e diretta da Emilio Estevez.

    Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito e si svolgeranno nel rispetto della normativa anti Covid-19.

    Il programma completo della rassegna è sulla pagina Facebook del Comune di Castellina in Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...