spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 20 luglio al Museo del Paesaggio, “Abitati etruschi: dal villaggio alle città”

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Ultimo appuntamento con “Notti dell’Archeologia” al Museo del Paesaggio di Castelnuovo Berardenga.

     

    Sabato 20 luglio, dalle 17.30, si terrà l’appuntamento con “Abitati etruschi: dal villaggio alle città”, una passeggiata fra le colline del Chianti, evidenze archeologiche etrusche e sentieri naturalistici. Il ritrovo è presso il Museo del Paesaggio per proseguire poi, insieme a una guida esperta, alla volta di un percorso che permetterà di scoprire i modelli insediativi della Valle dell'Ombrone settentrionale, le principali evidenze archelogiche e i siti più importanti tra i quali il Poggione, Piano Tondo di Castelnuovo e Poggio Civitate di Murlo, passando per le attestazioni di Asciano, Siena e Colle Val d'Elsa. 

     

    L’appuntamento è gratuito e organizzato della cooperativa sociale Pleiades in collaborazione con il Comune di Castelnuovo Berardenga e l'associazione di promozione sociale Paleoriza, all’interno del cartellone regionale “Notti dell’Archeologia”.

     

    Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Facebook del Museo del Paesaggio, telefonare al numero 0577 351337, scrivere all'indirizzo museo@comune.castelnuovo.si.it o visitare il sito www.regione.toscana.it/nottidellarcheologia

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...