venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    “Vertine (Gaiole): ecco come i cinghiali stanno distruggendo i muretti a secco del Chianti”

    "Nelle immagini, il lavoro minuzioso di demolizione di un muretto che prima c’era, da parte di un cinghiale in cerca di noccioli di ciliegia"

    I cinghiali che distruggono i muretti a secco del Chianti (nelle immagine siamo a Vertine, nel comune di Gaiole in Chianti).

    L’arte dei muretti a secco nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, elementi caratteristici del paesaggio collinare da secoli.

    Che hanno contribuito alla coltivazione e regimentazione dall’erosione del suolo da parte delle acque, già considerati nel Catasto Leopoldino, per quanto riguarda la Toscana.

    Elementi paesaggistici divelti nella costruzione dei vigneti intensivi negli anni ’70, i cui pochi esemplari rimasti necessitano di costanti cure e manutenzioni contro le intemperie e il tempo.

    Ma il lavoro di demolizione più preciso e costante di questi manufatti storici è svolto da una categoria di animali specializzati allo scopo: i cinghiali.

    Nelle immagini, il lavoro minuzioso di demolizione di un muretto che prima c’era, da parte di un cinghiale in cerca di noccioli di ciliegia.

    Andrea Pagliantini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: [email protected]

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino