spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sottosegretario all’Agricoltura Gian Marco Centinaio alla Chianti Classico Collection

    Ha anche assaggiato una eccezionale selezione di etichette storiche a partire dal 1949 fino  al 2020, in una degustazione guidata da Filippo Bartolotta

    FIRENZE – Il sottosegretario all’agricoltura, senatore Gian Marco Centinaio, alla Chianti Classico Collection, nel secondo e ultimo giorno.

    Oggi, durante la settimana delle Anteprime di Toscana, la visita del sottosegretario all’agricoltura alla manifestazione più importante del Gallo Nero.

    E’ stato accolto dai produttori del Gallo Nero alla presentazione delle nuove annate della denominazione più antica d’Italia, alla Stazione Leopolda.

    Dopo una visita alla tradizionale sfilata di bottiglie (oltre 650 etichette in degustazione), si è intrattenuto a colloquio con il presidente del Consorzio, Giovanni Manetti.

    Ed ha assaggiato una eccezionale selezione di etichette storiche a partire dal 1949 fino  al 2020, in una degustazione guidata da Filippo Bartolotta.

    “Ringraziamo il senatore Centinaio per l’attenzione che da sempre dedica alla Docg Chianti Classico – dichiara il presidente Manetti – E’ stata una preziosa occasione di confronto sulla storia del Gallo Nero  e sulle importanti  prospettive future della denominazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...