spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un Gallo Nero che guarda all’Estremo Oriente: il Chianti Classico si presenta a Seoul

    Nel primo semestre 2021 +300% di vendite in Sud Corea. Nei prossimi giorni si terrà il primo evento di degustazione. Ospiti in sala, produttori online

    SAMBUCA (BARBERINO TAVARNELLE) – Con una popolazione di poco inferiore a quella italiana (52 milioni di abitanti) e un’economia in forte ripresa nonostante i mesi di pandemia, la Corea del Sud rappresenta uno sbocco commerciale molto interessante e ambito per i vini del Gallo Nero.

    E’ per questo che il 17 novembre il Consorzio organizzerà a Seoul il suo primo “walk-around tasting”, presentando circa 70 etichette di Chianti Classico, nelle tre tipologie Annata, Riserva e Gran Selezione, e i Vinsanto del Chianti Classico, prodotti da 24 diverse aziende del Gallo Nero.

    La formula pensata per il wine-tasting è innovativa e, nello stesso tempo, in linea con i tempi: gli ospiti dell’evento, infatti, oltre a degustare i vini presenti in sala, potranno entrare in contatto con i produttori tramite meeting on line, che avverranno attraverso appositi schermi approntati su ogni singola postazione di degustazione.

    Dietro la bottiglia ci sarà quindi sempre il produttore, solo che sarà… a 9.000 km di distanza!

    Una nuova modalità di presentazione, che coniuga le forme di comunicazione cui ci siamo abituati nell’ultimo anno e la tradizionale degustazione in presenza.

    Le aspettative per il successo dell’evento sono tante e i primi riscontri sugli appuntamenti B2B fanno presagire un grande interesse da parte del pubblico coreano.

    Il Consorzio Vino Chianti Classico si presenta peraltro in Corea del Sud in un momento positivo per la denominazione.

    Dopo un 2020 caratterizzato dall’evento eccezionale della pandemia, ma conclusosi con un bilancio migliore delle aspettative, il 2021 fin dai primi mesi si sta rivelando un anno molto favorevole per i vini del Gallo Nero, che stanno andando a gonfie vele in particolare sui mercati internazionali.

    Tra questi è proprio la Sud Corea ad aver già raggiunto, nel primo semestre, un risultato estremamente interessante: ha infatti segnato un +300% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente,  arrivando ad assorbire una quota di mercato pari al 3,5% del totale e conquistando, di conseguenza, la sesta posizione fra i mercati del Chianti Classico.

    “Siamo fiduciosi nel fatto che la relazione con la Corea del Sud possa consolidarsi ulteriormente nei prossimi anni” afferma Giovanni Manetti, presidente del Consorzio.

    “Anni – aggiunge Manetti – che saranno ancora di più improntati sulla capacità di noi viticoltori di trasferire il nostro territorio nella bottiglia, mantenendo saldo l’obiettivo della qualità, intesa come unione di autenticità  e grande impegno in tutte le fasi produttive, in particolare nell’attenzione in vigna”.

    “Il mercato sta premiando questa nostra scelta produttiva – conclude – Una scelta di cui siamo estremamente orgogliosi e di cui presenteremo a breve i risultati nell’evento di Seoul”.

    Giovanni Manetti, presidente del Consorzio Vino Chianti Classico

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...