spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bitcoin, dove si possono acquistare in rete? Tutte le risposte

    Molti analisti ne ritengono ancora molto probabile una ulteriore crescita nei prossimi mesi, soprattutto per effetto dei rinnovati timori sull’inflazione

    I Bitcoin si trovano in un momento di parziale flessione dopo una ascesa poderosa durata anni: paradossalmente potrebbe essere proprio questo il momento giusto per acquistare e approfittare di nuove possibili corse verso l’alto dell’icona crypto.

    Molti analisti, infatti, ritengono ancora molto probabile una sua ulteriore crescita nei prossimi mesi, soprattutto per effetto dei rinnovati timori sull’inflazione.

    La domanda che si pongono in molti, quindi: è la seguente: dove si possono acquistare BTC?

    Cui ne aggiungiamo una seconda: cosa bisogna fare, per portare a termine l’acquisto? Vediamo concretamente come acquistare Bitcoin oggi in rete.

    L’acquisto diretto di Bitcoin

    L’acquisto diretto di tokens, presuppone il ricorso ad un exchange di criptovalute. Sul mercato ce ne sono molti, ad esempio Binance, Coinbase, Kraken o Poloniex, solo per ricordare i più noti.

    Chi intende ricorrere a questa strada deve aprire un conto e dotarsi di un wallet, ovvero un portafogli elettronico teso alla conservazione delle monete acquisite.

    La scelta è tra il ricorso ad un wallet fornito dallo stesso exchange o l’acquisto di uno da installare sul proprio dispositivo, si tratti di personal computer o di smartphone.

    Gli esperti sconsigliano la prima ipotesi, in quanto proprio i dispositivi degli scambi sono le prede preferite degli hacker per i loro attacchi tesi a sottrarne il contenuto.

    Basta in effetti ricordare la vicenda di Mt. Gox, la piattaforma fallita nel 2014 a seguito di una lunga serie di attacchi, per capire la fondatezza di questa tesi.

    L’investimento tramite le piattaforme di trading online

    Oltre all’acquisto diretto, però, c’è un altro modo di guadagnare dalle variazioni di prezzo del Bitcoin, ovvero l’investimento tramite una piattaforma di trading online.

    I broker in questione, infatti, offrono i CFD (Contract for Difference) anche sulle criptovalute.

    Trattandosi di derivati, ovvero di strumenti finanziari che vanno a riflettere fedelmente il prezzo di un asset sottostante, non obbligano alla sua detenzione e, di conseguenza, a dotarsi di un wallet.

    Quali sono i vantaggi garantiti da questa modalità di commercio? Il primo deriva proprio dal fatto che sgombra il campo dalle complicazioni legate alla detenzione dei tokens e le preoccupazioni derivanti dalla possibilità di attacchi da parte della pirateria informatica.

    La possibilità di investire tramite CFD

    Il secondo è invece da ravvisare nel fatto che coi CFD è possibile guadagnare non soltanto nel caso di crescita della quotazione dell’asset scelto, ma anche in quella opposta.

    La cosa fondamentale è riuscire a capire la direzione intrapresa del mercato per una presa di posizione proficua.

    Il contratto inaugurato per questa via, infatti, può essere chiuso in qualsiasi momento, permettendo di limitare anche le eventuali perdite.

    Anche dal punto di vista finanziario i CFD sono molto convenienti. Non solo le commissioni da versare sono limitate, ma grazie alla leva finanziaria è possibile la compravendita allo scoperto, ovvero senza disporre della cifra che si intende investire.

    In tal modo anche con capitali limitati è possibile movimentare risorse significative. La leva finanziaria, però, deve essere usata con accortezza, in quanto amplifica anche eventuali perdite.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...