martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Asl Toscana Centro, allarme di Fp Cgil Firenze: “200 assunzioni per combattere il Covid”

    Il sindacato definisce numeri e posizioni da coprire: "Servono tra tecnici, infermieri e operatori sanitari, necessari per rispondere adeguatamente alla pandemia"

    FIRENZE – “La repentina ripresa della curva dei contagi alla quale stiamo assistendo in questi giorni ha messo a nudo le criticità che la nostra organizzazione aveva segnalato fin dai mesi estivi”.

    A dirlo è la Fp Cgil di Firenze: “Il ritardo delle indispensabili assunzioni di infermieri e tecnici di laboratorio, sommato alla grave penuria nel mercato del lavoro di assistenti sanitari, rischia di vanificare la politica delle “tre T”, unica strategia valida per il contrasto del Covid-19 soprattutto per evitare ulteriori lockdown che avrebbero ripercussioni sociali ed economiche importanti”.

    “Ad oggi – proseguono dal sindacato – i pochi assistenti sanitari presenti in organico sono stati impiegati prevalentemente per l’esecuzione dei tamponi, invece di destinarli esclusivamente al tracciamento dei contatti dei casi positivi per testarli e isolarli dalla comunità”.

    “Il clamoroso ritardo del bando di concorso regionale per tecnici di laboratorio – aggiungono – impedirà il reclutamento di questo profilo necessario per tenere aperti h24 i laboratori di microbiologia per smaltire le centinaia di tamponi e la presenza nei drive-trough dove, da pochi giorni, sono a disposizione le nuove macchine per l’esecuzione di tamponi genetici rapidi che possono dare il risultato in una sola mezz’ora, ma che necessitano per il loro funzionamento del personale tecnico di laboratorio”.

    “Infine – dicono ancora – l’impiego degli infermieri nelle squadre Usca, per compiti non molto attinenti alle competenze previste dal proprio profilo professionale, sta drenando importanti risorse dalle attività dell’assistenza domiciliare impedendo una presa in carico dei pazienti positivi paucisintomatici, con il relativo aggravio sui presidi ospedalieri”.

    Per questo l’Fp Cgil chiede all’Asl Toscana Centro e alla Regione “l’assunzione di 200 lavoratori e lavoratrici in più, tra tecnici, infermieri e operatori sanitari, necessari per rispondere adeguatamente alla pandemia”.

    “Nel dettaglio – precisano – chiediamo: assunzioni con procedura di urgenza di 60 tecnici di laboratorio; un maggior impiego di personale nelle operazioni di tracciamento dei casi positivi; impiego del maggior numero di macchine per l’esecuzione dei test genetici rapidi e e ulteriori assunzioni del personale (70 tra infermieri e tecnici) per aumentare il numero di drive-trough per aumentare il numero di analisi effettuate;  assunzioni di personale infermieristico (servono 70 operatori sanitari) per potenziare le attività dell’assistenza domiciliare”.

    “Infine – concludono – si chiede a Usl, Meyer e ospedale di Careggi di ripristinare la pratica di screening-Covid ai lavoratori diretti e indiretti delle strutture ogni 15 giorni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...