spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autolinee Toscane, allarme bus: “Servizi a rischio per le quarantene”

    L'intervento di Gianni Bechelli, presidente Autolinee Toscane sulla tendenza in aumento degli autisti assenti per malattia e Covid

    FIRENZE – “I report che ci arrivano dalle varie sedi, soprattutto quelle centrali ma anche Siena e la costa da Pisa a Carrara, ci parlano di una tendenza di aumento degli autisti assenti per malattia, spesso legata al Covid”.

    E’ allarme rosso sul trasporto pubblico locale quello lanciato dal presidente di Autolinee Toscane Gianni Bechelli.

    Che mette in guardia sul concreto rischio di corste saltate. Unica nota positiva, è che in questi giorni di scuole chiuse una parte importante di fruitori del trasporto pubblico locale (gli studenti) è a casa.

    “Una tendenza – prosegue Bechelli – in costante aumento su un organico, come abbiamo ricordato più volte, storicamente limitato”.

    “In questo momento – conclude – abbiamo l’orario non scolastico, ancora il servizio regge, ma se i casi di Covid e le conseguenti quarantene aumenteranno, c’è il ragionevole rischio che sarà molto difficile garantire il servizio al massimo livello, quando riapriranno le scuole. Siamo veramente preoccupati”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...