spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Campagna vaccinale anti Covid, dalla prossima settimana tre nuovi centri in provincia di Siena

    "Nelle ultime settimane - afferma Antonio D'Urso, direttore generale Asl Tse - c'è stata una corsa alla vaccinazione effetto dell'apertura a più fasce d'età, terza dose e introduzione del super Greenpass"

    SIENA – L’Asl Toscana sud est aumenta l’offerta dei centri vaccinali anti Covid in provincia di Siena, in aggiunta a quelli all’ex pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena, alla sala polivalente ex Macelli a Montepulciano, al centro La Fabbrichina a Colle Val d’Elsa.

    A partire da lunedì 29 saranno attivati due nuovi punti nel capoluogo, al poliambulatorio di via Pian d’Ovile (operativo dal lunedì al venerdì) e alla sede Asl in strada del Ruffolo, il sabato e la domenica. Torna invece operativo da mercoledì primo dicembre il centro Macchia Faggeta ad Abbadia San Salvatore.

    “C’è stata una corsa alla vaccinazione nelle ultime settimane, tanto è vero che avevamo già raddoppiato l’offerta settimanale delle dosi disponibili, – afferma Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est – effetto dell’apertura a più fasce d’età della possibilità di fare la terza dose e adesso anche dell’introduzione del super Greenpass”.

    “Ci dobbiamo preparare a una richiesta sempre maggiore di persone che vogliono fare la terza dose o iniziare il percorso vaccinale, per questo è necessaria l’apertura di nuove sedi per garantire la copertura di tutte le richieste”.

    “Dalla prossima settimana – conclude D’Urso – aumenta quindi la nostra disponibilità su Siena, ma valuteremo anche altre possibili soluzioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...