spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Circoli, Acli, Arci e Mcl Toscana: “Sanata in parte una palese ingiustizia”

    I presidenti Giacomo Martelli, Gianluca Mengozzi e Pierandrea Vanni: "Pronti a riprendere tutte le attività"

    FIRENZE – “Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di soci e volontari che si adoperano, ogni giorno, per mandare avanti quelli che sono a tutti gli effetti presidi sociali del nostro territorio”.

    I presidenti Acli, Arci e Mcl della Toscana, Giacomo Martelli, Gianluca Mengozzi e Pierandrea Vanni accolgono con soddisfazione l’ordinanza di Regione Toscana che consente, da subito, attività culturali, sportive, ricreative, educative e corsistiche nei circoli ricreativi della Toscana.

    “La piena attività, come da decreto nazionale, riprenderà solo il primo luglio” spiegano Giacomo Martelli, Gianluca Mengozzi e Pierandrea Vanni.

    “Una decisione che abbiamo sempre ritenuto ingiusta – rimarcano – in quanto i circoli sono in grado di garantire tutte le precauzioni sanitarie previste dai protocolli, al pari degli esercizi commerciali a cui invece è stato già concesso di riaprire”.

    “Se da un lato questa ordinanza compensa in parte il danno subito – precisano – dall’altro conferma, ancora un volta, il valore del nostro lavoro”.

    “I 1.500 circoli della Toscana – concludono – sono pronti a riaprire le porte e a contribuire con le proprie attività di animazione sociale alla ripartenza delle comunità toscane di cui sono una parte fondamentale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua