mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Coronavirus, ieri erano 56 i nuovi casi positivi nella Ausl Toscana Centro: due sono sancascianesi

    L'Asl ha, come sempre, attivato le operazioni di tracciamento dei contatti nel modo più accurato: i due sancascianesi potrebbero aver viaggiato insieme ad altre persone negli ultimi giorni

    FIRENZE – Erano 56 i nuovi casi positivi nei territori dell’Ausl Toscana Centro comunicati ieri, venerdì 25 settembre.

    Territori, quelli delle province di Firenze, Prato e Pistoia, nei quali risultava un decesso (a Castelfiorentino).

    Nel dettaglio: 39 casi in provincia di Firenze; 14 casi in provincia di Prato; 3 casi in provincia di Pistoia.

    A causa di un problema tecnico del sistema informativo sanitario della protezione collettiva, non era stato possibile indicare il comune di residenza di ciascun caso.

    Informazioni ufficiali ci dicono però che due dei nuovi positivi comunicati ieri sono residenti nel comune di San Casciano.

    E l’Asl, al pari di tutte le situazioni di positività, ha attivato le operazioni di tracciamento dei contatti nel modo più accurato.

    Anche perché in questo caso, dai primi riscontri, le due persone potrebbero aver viaggiato insieme ad altre negli ultimi giorni.

    Anche l’amministrazione comunale sancascianese sta seguendo direttamente l’evolversi della situazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...