spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da domani obbligo di Green Pass anche per viaggiare sulle linee della tramvia di Firenze

    Gli operatori saranno alle fermate principali della tramvia per fare controlli a campione sul possesso del certificato verde

    FIRENZE – Da lunedì 6 dicembre sarà obbligatorio avere il Green Pass per viaggiare sulla tramvia di Firenze.

    Il nuovo decreto del governo estende l’obbligo a tutto il trasporto pubblico del certificato verde “base”, che si ottiene dopo il vaccino anti Covid-19, la guarigione o un tampone negativo.

    Gest accoglie l’invito della Prefettura di Firenze a collaborare con le forze dell’ordine che da lunedì controlleranno il possesso del Green Pass da parte dei passeggeri della tramvia.

    Autolinee Toscane, che assieme a Gest fa parte del gruppo RatpDev, metterà a disposizione da lunedì 80 operatori in tutta la Toscana a supporto delle forze dell’ordine per presidiare le fermate più importanti dei bus e della tramvia di Firenze.

    Autolinee lo ha comunicato al Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, convocato ieri dal prefetto Valerio Valenti, che ha riunito tutti i soggetti interessati dalle norme introdotte dal decreto 172/21 per contenere la diffusione del contagio da Covid-19.

    Gest si avvarrà dunque dei verificatori reclutati da Autolinee Toscane a supporto delle forze dell’ordine.

    In particolare, gli operatori saranno alle fermate principali della tramvia per fare controlli a campione sul possesso del certificato verde.

    Non faranno sanzioni, ma dovranno segnalare eventuali situazioni critiche alle forze dell’ordine.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...