spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ ufficiale: da lunedì 10 gennaio la Toscana torna in zona gialla (anche se cambia pochissimo)

    La tabella del Governo su quel che si può fare in zona gialla, arancione e rossa. Il presidente del consiglio regionale Mazzeo: "Green Pass rafforzato anche al bancone e all'aperto"

    FIRENZE – Non eravamo più abituati ai cambi di colore, ma l’impennata di nuovi positivi al Covid-19 causata dall’irruzione della variante Omicron, con il conseguente carico di ospedalizzazioni, porta la Toscana in zona gialla.

    Il cambio di colore era ormai automatico, con incidenza di casi fuori scala e terapie intensive e aree di ricovero ordinario oltre i limiti di occupazione (rispettivamente 10% e 15%), ma adesso c’è l’ufficialità.

    La annuncia il presidente del consiglio regionale toscano, Antonio Mazzeo (peraltro ancora in isolamento per la positività al Covid-19): “Il ministro Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza: da Lunedi 10 la Toscana sarà in zona gialla”.

    “I tassi di occupazione dei ricoveri in area medica e delle terapie intensive – ricorda Mazzeo – hanno superato le soglie del 15% e del 10% (oggi siamo al 19% e al 18,9%) soprattutto a causa dell’alta incidenza dei non vaccinati tra i ricoverati”.

    “La principale differenza tra la zona bianca e la zona gialla – prosegue – sta nel fatto che servirà il green pass rafforzato per consumare anche al banco o all’aperto, ma è un segnale che ci indica che bisogna rispettare le regole ed essere prudenti”.

    “Non mi stancherò mai di ripeterlo – riprende – la vaccinazione è l’arma più efficace per battere il virus e renderlo meno pericoloso in caso di contagio”.

    “E a chi ancora è scettico o rifiuta l’idea del vaccino – conclude – chiedo di leggere uno dei tanti appelli di no vax pentiti dopo essere finiti in terapia intensiva. Il vaccino protegge e salva la vita a noi stessi e alle persone a cui vogliamo bene”.

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...