spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Enrico Rossi: “Bene decisione chiusura discoteche e obbligo mascherina (in Toscana c’era già)”

    Il presidente della Regione Toscana all'indomani della decisione del Governo: "La prima preoccupazione deve essere la ripresa dell’anno scolastico"

    FIRENZE – “Con qualche ritardo, ma la decisione di chiudere le discoteche a livello nazionale, come anch’io avevo chiesto, e di mettere l’obbligo della mascherina, che da noi in Toscana senza limiti temporali era già introdotto, è stata giustamente presa”.

    Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi si esprime il giorno dopo la ultime decisioni del Governo.

    “La prima preoccupazione – dice Rossi – deve essere la ripresa dell’anno scolastico per evitare quella “catastrofe generazionale” di cui parla l’ONU”.

    “Tutte le misure e i provvedimenti che verranno presi – aggiunge il Governatore toscano – con i possibili conseguenti sacrifici, dovranno essere finalizzati a consentire ai nostri ragazzi di tornare a scuola”.

    “Ma se non ci saranno i controlli da parte delle forze dell’ordine – ammonisce – c’è il rischio che tutto resti a livello di buone intenzioni”.

    # L’ordinanza: discoteche chiuse fino al 7 settembre in tutta Italia. Il testo del ministero della Salute

    “Io – dice ancora Rossi – rivolgo un appello al governo e al ministro degli interni affinché garantiscano che i loro stessi provvedimenti siano rispettati”.

    “Salvini – conclude – dichiara invece che è “una follia che il Governo se la prenda con i ragazzi che escono e che si vogliono divertire”. Impossibile commentare in modo civile”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...