spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Falsi vaccini fatti da medico di famiglia. La Asl sta già cercando un sostituto

    E' accusato di aver effettuato (per motivi ideologici) false vaccinazioni anti Covid-19: adesso è agli arresti domiciliari

    TOSCANA – Ieri, venerdì 31 dicembre, l’Azienda Usl Toscana Centro è venuta a conoscenza da parte della Procura della Repubblica di Pistoia di una esecuzione di ordinanza cautelare personale nei  confronti di un medico di medicina generale operante nel territorio di Abetone, Cutigliano, San Marcello Pistoiese, Marliana.

    Messo agli arresti dominiciliari per presunte false certificazioni verdi riguardanti l’effettuazione di vaccini anti Covid a vari assistiti (nelle province di Pistoia, Prato, Lucca, Firenze), che sarebbero stati inseriti nel programma regionale e conseguentemente pagati al medico.

    # Medico ha attestato false vaccinazioni anti Covid-19 in mezza Toscana: ai domiciliari

    L’Azienda assicura che sarà garantita l’assistenza ai cittadini dell’ambito territoriale in questione, e si è già adoperata per la ricerca immediata di un sostituto.

    Per coloro che lo desiderassero, è inoltre possibile effettuare una nuova scelta del medico di famiglia attraverso le seguenti modalità.

    Tramite mail anagrafesanitaria.pistoia@uslcentro.toscana.it; chiamando lo 0573228421, numero attivo dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 17.30; tramite appuntamento chiamando il 055545454.

    Il medico si può scegliere anche attraverso la piattaforma Open Toscana on line a – cambio medico –  http://servizi.toscana.it/?tema=salute.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...