spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    #GiovaniSìVaccinano: cosa fare per richiedere il camper nelle scuole

    Le scuole dovranno raccordarsi con i sindaci dei Comuni di riferimento, che ufficializzeranno la candidatura degli istituti scolastici alle Società della Salute

    FIRENZE – Task force organizzativa per il miglior utilizzo possibile del camper di #GiovaniSìVaccinano della Regione Toscana, messo a disposizione delle scuole, per accelerare le vaccinazioni di bambine e bambini di 5-11 anni e contrastare la diffusione del virus.

    Le scuole che vorranno candidarsi per ospitare il camper di #GiovaniSìvaccinano in spazi dedicati, dovranno raccordarsi con i sindaci dei Comuni di riferimento, che ufficializzeranno la candidatura degli istituti scolastici (dotati degli opportuni requisiti) alle Società della Salute.

    Sarà, poi, la Asl a contattare le scuole selezionate, per mettere a punto, in tempi rapidi, tutti gli aspetti organizzativi necessari.

    Si parte con  le scuole dei comuni della Asl Toscana Centro, che gestisce un territorio tra i più densamente abitati della Toscana.

    E’ quanto è stato deciso oggi nel corso di una riunione operativa plenaria online tra Regione Toscana, sindaci, direttori tecnici delle Società della Salute dell’Area vasta centro e i vertici dell’Asl centro e del dipartimento di prevenzione, alla presenza del consigliere alle politiche giovanili del presidente Eugenio Giani, Bernard Dika.

    “Riteniamo la vaccinazione uno strumento imprescindibile, per proteggersi dal virus e contrastare la sua diffusione, a partire dai nostri bambini e ragazzi al momento tra i più esposti” commenta il presidente  Eugenio Giani.

    “Su questo fronte – promette – continueremo a dare il massimo e con ogni strumento possibile di contrasto pandemico. Ringrazio i rappresentanti delle nostre istituzioni, impegnati anche loro in prima linea nella lotta contro il Covid, testimoniando sempre massima disponibilità e ampia collaborazione con le Aziende sanitarie e le SdS di riferimento”.

    “Altrettanto importante – conclude il presidente regionale –  è l’apporto sinergico dell’Ufficio scolastico regionale e del  volontariato. Sono orgoglioso di tutto quello che abbiamo realizzato insieme e grato alle famiglie, per avere compreso quanto sia importante vaccinare i loro figli e per come hanno accolto l’iniziativa del camper di GiovaniSìVaccinano, andando ben oltre ogni nostra più rosea aspettativa”.

    A breve, dunque, sarà definita la programmazione puntuale delle prossime  tappe del camper di #GiovaniSìVaccinano, che ha già fatto sosta presso la scuola elementare “Martin Luther King” di Firenze e l’Istituto di istruzione superiore “Anna Maria Enriques Agnoletti” di Sesto Fiorentino, riscuotendo un’ottima accoglienza.

    L’accesso alla vaccinazione presso il camper di “GiovanisìVaccinano a scuola”, lo ricordiamo, sarà libero, senza prenotazione, dalle 12 alle 16. A chi farà la prima dose sarà rilasciata la prenotazione per la seconda.

    La somministrazione della dose sarà possibile anche nel caso in cui sia già stata fatta prenotazione presso altro punto vaccinale.

    Sono necessari tessera sanitaria, documento di identità e modulo di consenso dei genitori già firmato, presenza di almeno uno dei genitori e delega dell’altro se impossibilitato.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...