spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’Asl Toscana Centro annuncia l’apertura dell’Hub di Grassina da sabato 8 maggio

    Avrà una capacità di 900 vaccini giornalieri. Ecco gli altri 8 centri vaccinali che l'Asl Toscana Centro aprirà da metà maggio in poi

    FIRENZE – Aumenta di giri la programmazione delle vaccinazioni per l’Asl Toscana Centro in relazione all’arrivo di crescenti forniture vaccinali da destinare alle categorie previste dal piano regionale.

    Da domani, giovedì 6 maggio, fino a metà mese l’azienda sanitaria accrescerà progressivamente la sua capacità vaccinale attraverso l’apertura di nuovi centri (Hub) in tutta l’area vasta di competenza.

    # Vaccini anti Covid per età dai 60 ai 64 anni: prenotazioni dalla prossima settimana

    L’obiettivo è raggiungere una capacità superiore a 15.000 somministrazioni giornaliere, sette giorni su sette.

    Domani mattina sarà attivato il nuovo hub di Prato nella Sala del Pellegrinaio Novo dell’ex Misericordia e Dolce in piazza dell’ospedale vecchio.

    Sarà operativo tutti i giorni con una capacità vaccinale di 1.080 somministrazioni giornaliere, analoga a quella dell’altro hub pratese già in funzione, il Pegaso 2 di via Galcianese.

    Da venerdì 7 maggio sarà incrementata la già notevole produttività del Mandela forum di Firenze con una sezione aggiuntiva capace di erogare ulteriori 900 vaccini, in modo da raggiungere la quota complessiva di 3.600 dosi giornaliere.

    Sabato 8 maggio apriranno altri due hub: il Centro espositivo di Scandicci e la casa del popolo di Grassina, con una capacità pari rispettivamente a 720 e 900 vaccini giornalieri. Lunedì 10 maggio sarà la volta dell’Hub vaccinale a Pontassieve (ex Chino Chini) con 720 vaccini al giorno.

    Proseguono in parallelo le somministrazioni negli hub territoriali già attivi. A Empoli presso l’HubSesa, inaugurato la scorsa settimana, e alla Cattedrale di Pistoia in ciascuno dei quali vengono somministrati 1.080 vaccini al giorno, mentre a Pescia presso il punto vaccinale Filanda le dosi giornaliere sono 120.

    Da metà maggio l’Asl Centro è previsto un ulteriore incremento con l’apertura di altri 8 hub.

    Questo il dettaglio zonale: nella fiorentina nord ovest il Centro espositivo di Calenzano (540 vaccini al giorno), nella fiorentina sud est il Palazzetto di Reggello (1.080 vaccini al giorno), nel Mugello l’Autodromo a Scarperia (360 vaccini al giorno), il Palazzetto di Dicomano (1.080 vaccini al giorno), nell’empolese il Palasport di Fucecchio (1.080 vaccini al giorno) e il centro polivalente di Certaldo (540 vaccini al giorno), nella pistoiese il circolo MCL di S.Biagio a Pistoia (900 vaccini al giorno), in Valdinievole il Palaterme di Montecatini Terme (1.080 vaccini al giorno).

    “L’apertura di nuovi hub nel territorio di competenza della Asl centro, in una delle tre Aree vaste tra le più densamente abitate, consentirà di potenziare la nostra capacità di somministrazione giornaliera dei vaccini e di accelerare sul fronte dell’immunizzazione della popolazione toscana” commenta il presidente della Regione, Eugenio Giani.

    “L’attivazione progressiva di questi nuovi punti vaccinali – rimarca – è resa possibile grazie a una rete di soggetti, che sanno lavorare bene insieme, dando sempre il massimo, per la tutela della salute di ciascuno di noi”.

    “Il mio ringraziamento – conclude Giani – va a tutti i professionisti dell’Azienda sanitaria, alle donne e agli uomini della protezione civile, del volontariato e del nostro sistema sanitario regionale, impegnati in prima linea da lungo tempo, e anche ai nostri cittadini, che ci spronano a fare sempre meglio e sempre di più, condividendo insieme a noi l’importanza della vaccinazione”.

    “Con questa macchina organizzativa – afferma Paolo Morello, direttore generale Asl TC – la nostra Azienda riuscirà ad incrementare il numero giornaliero di vaccinazioni, garantendo lo standard previsto dal piano vaccinale regionale. Nell’obiettivo di arrivare al più presto ad una larga copertura della popolazione: tutto questo grazie alla mobilitazione straordinaria di tanti professionisti e volontari”.

    L’attività degli Hub può svilupparsi nell’intero arco della settimana attraverso 3 turni giornalieri (mattina, pomeriggio e sera).

    L’apertura di questi ulteriori punti vaccinali è resa possibile dalla collaborazione delle associazioni di volontariato che hanno aderito ad un apposito avviso dell’Azienda Sanitaria.

    Le vaccinazioni saranno assicurate dall’operato di personale sanitario, tecnico ed amministrativo messo a disposizione dall’Azienda sanitaria, dalla Protezione Civile e dalle associazioni.

    Da inizio campagna vaccinale (11 febbraio) ad oggi sono stati somministrati in tutti gli Hub un totale di 129.792 vaccini, di cui 70.634 presso il Mandela di Firenze, 17.702 presso il Pegaso 2 di Prato, 17.027 alla Cattedrale di pistoia, 17.787 all’Hub di Empoli (compreso il nuovo punto vaccinale Sesa) e 6.642 alla Filanda di Pescia

    L’Azienda sanitaria ricorda che si accede al punti vaccinali tramite prenotazione prenotare sul portale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/#/home. Le agende rimarranno aperte fino a esaurimento dei posti disponibili per tutte le categorie previste fino ad oggi.

    E’ inoltre attivo il numero verde regionale gratuito 800117744 per gli over 70, che non hanno ancora avuto la possibilità di prenotarsi sul portale regionale, perché sprovvisti di computer o di smartphone o di assistenza da parte di familiari.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...