spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’impennata contagi impatta anche sugli scaffali dei supermercati: il punto di Unicoop

    "Tutti i servizi garantiti nonostante un fisiologico incremento delle assenze dei lavoratori dei punti vendita e le problematiche nella logistica"

    FIRENZE – La rinnovata emergenza Covid, con l’impennata di contagi, isolamenti e quarantene, pesa anche sugli scaffali del supermercato.

    “In questi giorni qualche piccolo disagio può verificarsi nei punti vendita Unicoop Firenze – fanno sapere dalla cooperativa – ma siamo impegnati per limitare l’impatto delle assenze degli addetti e dei ritardi nella logistica”.

    Due, infatti, gli ordini di problemi che si stanno verificando in questo periodo nel mondo della grande distribuzione.

    “Da un lato il personale dei punti vendita registra delle assenze – spiegano da Unicoop Firenze – in linea con l’incidenza di quarantene e contagi che sono aumentati in tutta la popolazione”.

    “Dall’altra – si evidenzia – le stesse dinamiche riguardano i lavoratori della logistica, con conseguenti ritardi nelle consegne e nelle forniture”.

    “Questo – precisano – ad ogni modo, non condiziona in modo pesante l’attività nei punti vendita, che prosegue sulla linea ordinaria grazie all’impegno della cooperativa”.

    “La grandissima mole di contagi registrati negli ultimi giorni – fanno sapere da Unicoop Firenze – condiziona tutti i settori, compresa la grande distribuzione”.

    “Nonostante diverse assenze – rassicurano – riusciamo a garantire tutte le attività nei suoi punti vendita, con l’operatività di tutti i reparti”.

    “Si potrà notare – concludono – una diminuzione degli approvvigionamenti di alcuni settori specifici, dovuta alle difficoltà della logistica, che risente a sua volta della minore disponibilità di operatori” .

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...