lunedì 1 Marzo 2021
Altre aree

    Mario, il novantenne delle parole crociate, ha definitivamente sconfitto il Covid-19

    “Tutto a posto” gli ha detto (commosso) al termine della visita il dottor Gianfranco Giannasi, direttore del pronto soccorso di Torregalli e dell’area di Medicina d’Urgenza della Ausl Toscana Centro

    FIRENZE – “Grazie abbiamo vinto questa battaglia insieme”.

    Con queste parole Mario ha salutato il personale medico e infermieristico prima di lasciare l’ospedale San Giovanni di Dio (Torregalli), dove si era recato per effettuare i controlli programmati post-Covid19.

    “Tutto a posto” gli ha detto al termine della visita il dottor Gianfranco Giannasi, direttore del pronto soccorso dell’ospedale e dell’area di Medicina d’Urgenza della Ausl Toscana Centro.

    Commuovendosi e ricordando che quando Mario era ancora ricoverato gli aveva promesso “Ti ringrazierò quando andrò via”.

    Mario, novant’anni, era stato ricoverato all’ospedale di Torregalli agli inizi di novembre con un’insufficienza respiratoria importante da Sars-Cov-2 e presentava anche una grave comorbilità oltre all’età avanzata.

    # Covid, bella storia da Torregalli: 90 anni, dopo 14 giorni di ventilatore, torna oggi in poltrona

    Dopo 14 giorni di ventilazione non invasiva e due di ventilatore alternato ad ossigeno in ventimask, il giorno in cui Mario riuscì nuovamente a respirare autonomamente volle festeggiare mettendosi in poltrona per fare le sue consuete parole e crociate.

    Simbolo di speranza per molte persone anziane e non solo, Mario dopo la riabilitazione oggi è ancora protagonista.

    Per infondere alle tante persone malate coraggio e determinazione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...