spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Niente fila agli hub per gli infermieri: possono vaccinarsi senza prenotazione”

    Opi Firenze-Pistoia ricorda ai propri iscritti la possibilità riservata a tutti i sanitari

    FIRENZE – “Gli infermieri, come tutto il personale sanitario, possono effettuare la vaccinazione senza fare la fila o prenotarsi poiché, in quanto categoria con obbligo di vaccinazione, hanno accesso diretto all’hub vaccinale”.

    Lo ricorda ai propri iscritti l’Ordine delle Professioni Infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia invitando chi non l’avesse già fatto a procedere con il completamento del primo ciclo e/o con la dose booster, anch’essa obbligatoria per continuare a svolgere la professione.

    “Come chiarito anche da una circolare della Fnopi – dichiarano da Opi Firenze-Pistoia -, le disposizioni ministeriali prevedono che i sanitari, così come le altre categorie per cui vige l’obbligo vaccinale, possano procedere alla vaccinazione senza prenotazione e attraverso canali preferenziali. Invitiamo quindi tutti coloro che ancora non fossero in regola a procedere”.

    Ad oggi, quindi, gli infermieri hanno accesso diretto anche per poter ricevere la terza dose di vaccino anti-Covid a 120 giorni dalla conclusione del ciclo primario.

    Già a partire da fine novembre, il Commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, aveva chiesto alle Regioni di garantire, per le categorie per le quali la vaccinazione è obbligatoria, l’opzione di accesso diretto agli hub vaccinali senza prenotazione e predisporre linee dedicate, sia per il ciclo primario sia per i richiami.

    Un provvedimento che assume valore ancora maggior alla luce dell’obbligatorietà della terza dose per i sanitari, in vigore dallo scorso 15 dicembre, e del più recente obbligo per gli over 50.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...