mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    San Casciano e Barberino Tavarnelle: vaccini anti influenzali sotto i tendoni della Croce Rossa

    Dal 20 ottobre al 15 dicembre saranno operativi medici di base e volontari della CRI e della Protezione civile per effettuare le sedute vaccinali gratuite su appuntamento

    BARBRRINO TAVARNELLE-SAN CASCIANO – Coinvolgere il maggior numero di cittadini nel minor tempo possibile e svolgere le operazioni di vaccinazione in sicurezza evitando gli assembramenti negli studi medici.

    E’ l’obiettivo della collaborazione, sorta in questa fase dell’emergenza sanitaria, tra la Asl Toscana Centro, i medici di medicina generale, la Croce Rossa italiana e i Comuni dell’Unione del Chianti fiorentino per la realizzazione della campagna vaccinale antinfluenzale che prenderà il via martedì 20 ottobre.

    In diverse sedi territoriali di San Casciano e Barberino Tavarnelle sono in corso di allestimento i tendoni pneumatici attrezzati dove, con il supporto dei volontari della Croce Rossa Italiana che gestiscono l’installazione delle strutture e dei volontari della Protezione civile cui è affidata la logistica, si potranno effettuare le sedute vaccinali gratuite previo appuntamento con il medico curante.

    Il triage di accesso sarà affidato prevalentemente al medico di base, talora coadiuvato dal volontariato locale.

    “Nel difficile momento che stiamo vivendo – dichiarano gli assessori Elisabetta Masti e Consuelo Cavallini per il Comune di San Casciano e Giacomo Trentanovi e Roberto Fontani per il Comune di Barberino Tavarnelle – abbiamo raccolto l’invito dell’Azienza sanitaria che chiedeva una collaborazione fattiva e ci siamo adoperati per coordinare l’impegno e attivare la misura mettendo a disposizione spazi pubblici esterni e interni in modo da garantire ai cittadini rapidità di intervento e sicurezza”.

    Tre le postazioni dei tendoni temporanei previste a San Casciano: il Parco Dante Tacci (area Poggione), il piazzale del campo sportivo di Mercatale (via dei Cofferi), il parcheggio antistante del Centro socio culturale di Cerbaia (via Napoli).

    Nel territorio di Barberino Tavarnelle, oltre all’ambulatorio del distretto socio-sanitario del Borghetto, sono disponibili le tensostrutture di Tavarnelle, nell’area antistante Il Borghetto (via Naldini), e di Barberino, davanti all’ex Casa delle Associazioni (via Mannucci).

    Al trattamento delle vaccinazioni avranno garantita la priorità gli ultra sessantacinquenni, verosimilmente estesa agli ultrasessantenni, e quelli affetti da più patologie ed in particolare respiratorie e in un momento successivo, proseguendo le operazioni, gli aventi diritto con meno di 65 anni.

     

    “Vaccinarsi è importante per tutti, bambini, adulti, anziani, ed in particolare per i soggetti più fragili – continuano gli assessori alle politiche sanitarie e alla Protezione civile – la vaccinazione costituisce un importante strumento di tutela della salute che, oltre a ridurre il rischio di complicanze legate ad un’influenza, offre una protezione in più nel contesto della pandemia che ci troviamo ad affrontare e un distinguo tra le due patologie che si presentano nello stesso modo”.

    Le operazioni vaccinali si possono eseguire esclusivamente tramite appuntamento con i dottori di medicina generale.

    Le amministrazioni comunali invitano i cittadini a rivolgersi ai propri medici per concordare giorni e orari.

    Le sedute che si protrarranno fino al 15 dicembre sono accessibili in questa modalità soltanto agli iscritti con il proprio medico.

    Un ringraziamento alle amministrazioni comunali per la collaborazione mostrata è rivolto dal dottor Giovanni Redegalli, coordinatore Aggregazione Funzionale Territoriale della Asl Toscana Centro per i Comuni di San Casciano e Barberino Tavarnelle. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...