spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Se le persone non vanno dal vaccino, il vaccino va dalle persone: in camper

    Si moltiplicano le presenze su quattro ruote dell'Asl Toscana sud est: direttamente dalla gente, nelle piazze, di fronte alle case, agli eventi

    SIENA – I grandi centri vaccinali, quelli medi. Quelli che lavorano fino alle 11 di sera. Quelli che aprono su appuntamento e quelli che ricevono senza. Quelli che, come domani ad Arezzo, si rivolgono a target specifici come i cittadini stranieri.

    Adesso il vaccino sale in camper e va direttamente dalla gente, nelle piazze, di fronte alle case, agli eventi.

    Nel calendario di lavoro della Asl Toscana sud est, dalle prossime settimane verranno iscritte anche scuole, fabbriche, zone artigianali, centri commerciali.

    “L’azienda sanitaria, i volontari, i medici in pensione hanno dato e continuano a dare il massimo – commenta il direttore generale dell’Asl Toscana sud est, Antonio D’Urso – I centri vaccinali sono il punto di riferimento fondamentale e grazie ad essi abbiamo raggiunto risultati molto significativi”.

    Siamo però consapevoli che una parte di popolazione, per le ragioni più diverse, non è ancora vaccinata. A queste persone vogliamo offrire un’opportunità e un servizio ancora più di prossimità.

    Infine intendiamo affrontare con il massimo impegno, attivando ogni possibile collaborazione con nuove iniziative, la sfida dell’autunno: il ritorno in sicurezza a scuola e al lavoro. L’unica possibilità di vincere questa sfida è il vaccino”.

    “Il camper si sta rivelando uno strumento importante – commenta il direttore sanitario Simona Dei – Lo abbiamo sperimentato sulle spiagge del Tirreno e poi nelle feste, negli eventi, perfino in alcuni piccoli comuni, soprattutto di montagna dove, in particolare per le persone anziane era più difficile muoversi, come ad esempio a Badia Tedalda. I risultati sono stati veramente positivi, al punto da indurci a diffondere questo strumento per la diffusione capillare della vaccinazione”.

    Il calendario dell’Asl Toscana sud est per i prossimi giorni si sta infittendo.

    Anna Beltrano è la responsabile vaccinazione dell’azienda: “Il Bravìo delle botti a Montepulciano, la Giostra del Saracino e la Fiera antiquaria ad Arezzo, il Fair play a Castiglion Fiorentino, la festa di Cesa e molti altri eventi. Settimanalmente l’azienda comunicherà il calendario delle presenze che sarà anche sul sito aziendale”.

    “L’obiettivo – conclude – è essere presenti laddove le persone si ritrovano. Una vaccinazione ad accesso libero per incentivare le somministrazioni e diffondere una cultura della prevenzione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...