spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Toscana, Capraia è la prima isola “Covid free”: vaccinati tutti anche con seconda dose

    "Presto - dice il presidente Eugenio Giani - avremo definitivamente libere dal contagio dal virus altre isole dell’arcipelago toscano"

    FIRENZE – “Capraia è tra le prime isole italiane “Covid free”. Ieriè stata portata a termine anche la somministrazione delle seconde dosi in tutti gli abitanti dell’isola”.

    Al dirlo il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, a commento del completamento dell’intero ciclo vaccinale di tutti i cittadini residenti nell’isola di Capraia (Livorno), avvenuto ieri, venerdì 28 maggio.

    “Presto – aggiunge Giani – avremo definitivamente libere dal contagio dal virus altre isole dell’arcipelago toscano”.

    “Il personale medico e infermieristico delle Asl direttamente coinvolte – sottolinea il presidente regionale – come in questo caso quello della Nord Ovest, ha svolto un lavoro straordinario, in stretta collaborazione con i sanitari della Marina Militare, che ringrazio con gratitudine della disponibilità”.

    “Questo è un evento importante – conclude Giani – che dà speranza e che ci aiuterà a dare nuovamente slancio al nostro turismo”.

    Il completamento della vaccinazione ha riguardato 105 cittadini in tutto.

    Per la somministrazione sono stati utilizzati vaccini Pfizer, AstraZeneca e Janssen, nel rispetto dei criteri di individuazione, utilizzati per il resto del territorio.

    I primi di luglio, con la somministrazione della seconda dose in tutti gli abitanti, saranno defitivamente “Covid free” anche le isole Il Giglio e Giannutri, di competenza territoriale della Asl sud est.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua