spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Trasporti pubblici locali, dal 21 giugno la capienza sale all’80 per cento

    “Con l’ingresso in zona bianca- spiega l’assessore regionale ai trasporti Stefano Baccelli- il coefficiente di riempimento cambia e si adegua alla normativa nazionale"

    FIRENZE – Da lunedì, con l’entrata della Toscana in zona bianca la capienza massima sui mezzi di trasporto pubblico passa dal 50 all’80 per cento.

    “Con l’ingresso in zona bianca- spiega l’assessore ai trasporti Stefano Baccelli– il coefficiente di riempimento sui mezzi di trasporto pubblico cambia e si adegua alla normativa nazionale”.

    “La diminuzione delle restrizioni e il ritorno alla normalità – prosegue Baccelli – comporta un aumento della mobilità che non ci deve fare trovare impreparati; la necessità è quindi quella di offrire un servizio puntuale e sicuro ai cittadini,  che torneranno a spostarsi più liberamente e con più frequenza”.

    L’assessore raccomoda comunque prudenza: “Continuiamo a rispettare le regole”.

    Ovvero, “uso della mascherina, adeguato distanziamento sociale e igienizzazione delle mani”, conclude Baccelli.

    L’applicazione della nuova percentuale dei posti consentiti dalla carta di circolazione dei mezzi non superiore all’80% decorre a partire da lunedì 21 giugno.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...