spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Under 60 prima dose con AstraZeneca: si passa a Pfizer o Moderna per la seconda dose

    Sono 2.296 le persone interessate in provincia di Siena. L'applicazione nell'Asl Toscana sud est delle indicazioni di Cts e ministero della Salute

    SIENA – 6.205: questo il totale nella Asl Toscana sud est delle persone al di sotto dei 60 anni che tra il 20 marzo e il 7 giugno hanno fatto la prima dose di vaccino AstraZeneca e che adesso faranno la seconda con Pfizer oppure con Moderna.

    Sono 2.594 nella provincia di Arezzo, 2.296 in quella di Siena e infine 1.315 in quella di Grosseto.

    Dopo l’aggiornamento del parere Cts, il ministero della Salute ha disposto infatti che il ciclo completo del vaccino AstraZeneca sia somministrato solo a persone di età uguale o superiore ai 60 anni.

    Sulle base di queste indicazioni, le persone che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca e non hanno ancora 60 anni, vedranno completato il ciclo vaccinale con una seconda dose di Pfizer oppure di Moderna.

    L’Asl Toscana sud est conferma che questa seconda dose sarà di norma somministrata nel luogo, nel giorno e all’ora che erano stati indicati.

    Qualora questo non si rivelasse possibile per motivi tecnici, l’Asl Tse provvederà a informare direttamente, o con sms e con telefonata, la persona interessata comunicando tutte le informazioni utili a effettuare la seconda dose di vaccino.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...