spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccinazioni al PalaGiannelli, disguido sulla data della seconda dose: in 200, ma il centro è chiuso

    "Successive disposizioni avevano spostato la data prevista per il richiamo a 42 giorni, in questo caso a mercoledì 23, comunicata via sms agli interessati"

    SIENA – “Questa mattina al PalaGiannelli di Siena, dove non era prevista alcuna seduta, si sono presentate persone che avevano effettuato la prima dose della vaccinazione il 12 maggio, quindi a 40 giorni di distanza come inizialmente previsto per la seconda dose”.

    A spiegarlo, in una nota, l’Ausl Toscana Sud Est.

    “Successive disposizioni – prosegue – hanno però spostato la data prevista per il richiamo a 42 giorni, in questo caso a mercoledì 23, comunicata via sms agli interessati”.

    “Personale dell’Azienda Usl Toscana sud est – si precisa – ha raggiunto la sede vaccinale, proponendo a tutti soluzioni adattate ai singoli casi, per superare il disguido che si è verificato”.

    “Sulle circa duecento persone che si sono presentate questa mattina – conclude l’Ausl TSE – a 90 è stata offerta una soluzione alternativa oggi stesso, al Papillon di Monteroni d’Arbia o al PalaGiannelli nel pomeriggio, per le altre è stato confermato l’appuntamento nella giornata di mercoledì 23”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...