domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Vaccini anti influenzali: oltre 283.000 dosi in distribuzione nella Asl Toscana Sud Est

    Lo scorso anno nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto furono 165.000 le dosi distribuite: ad oggi ne sono state distribuite 262.300

    SIENA – Vaccini anti influenzali: sono oltre 283.000 le dosi in distribuzione nella Asl Toscana Sud Est.

    Due i vaccini antinfluenzali che sono stati messi a disposizione della popolazione per l’effettuazione della campagna antinfluenzale 2020-2021.

    Fluarix tetravalente e Fluad trivalente potenziato indirizzato nella campagna vaccinale ai soggetti fragili e/o con età superiore ai 75 anni.

    La distribuzione ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia ha tenuto conto del numero dei pazienti ultra 65enni e di quelli affetti da patologie croniche in carico a ciascun medico, rispettando quanto indicato dalla circolare del Ministero della Salute per la campagna antiinfluenzale.

    Le dosi di vaccino sono state ritirate presso tutte le farmacie nel territorio aziendale, ovvero le province di Siena, Arezzo e Grosseto.

    Ad oggi ne sono state distribuite 262.300 e altre 21.000 di vaccino trivalente adiuvato (Fluad) saranno distribuite nell’ultima settimana di novembre e in parte saranno destinate per completare la copertura vaccinale per tutti gli ospiti delle Rsa.

    Complessivamente le 283.300 distribuite o in fase di distribuzione rappresentano l’87% del totale, cioè delle 325.000 dosi che dovevano essere destinate alla Asl Tse. Lo scorso anno furono distribuite 165.000 dosi

    “Purtroppo – dicono da Asl Toscana Sud Est – al momento sembra che non vi saranno altre consegne di vaccino quadrivalente (Fluarix) in quanto la ditta aggiudicatrice della fornitura non intende evadere le dosi previste come quinto obbligo della gara regionale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...