sabato 6 Marzo 2021
Altre aree

    Vaccino AstraZeneca ampliata la base: si può vaccinare fino a chi ha compiuto 65 anni

    Finora si fermava a 55 anni. "Con l'arrivo della prossima fornitura - annuncia il presidente della Regione Eugenio Giani - potremo così aprire a nuove prenotazioni e categorie, accelerando i tempi"

    FIRENZE – La notizia ufficiale era attesa da giorni. E la rende ufficiale anche il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

    “Via libera – dice Giani – alla somministrazione del vaccino AstraZeneca fino alle persone con 65 anni di età (fino ad ora il limite era di 55 anni, n.d.r.)”.

    “Con l’arrivo della prossima fornitura potremo – annuncia – così aprire a nuove prenotazioni e categorie, accelerando i tempi”.

    Ricordiamo che la vaccinazione con AstraZeneca è al momento riservata a categorie lavorative specifiche.

    In particolare personale scolastico e universitario, docente e non docente, di ogni ordine e grado; forze armate e di polizia (forze armate, polizia di stato, guardia di finanza, vigili del fuoco, polizia municipale, polizie locali…).

    Appenna verranno riaperte le “agende” di prenotazione (sempre sul portale prenotavaccino.sanita.toscana.it) ve ne daremo notizia.

    Ricordiamo peraltro che la Toscana è una la Regione più virtuosa nell’utilizzo di AstraZeenca, con oltre il 96% delle dosi fornite attualmente già somministrate.

    Potrebbe essere un'immagine raffigurante mappa e il seguente testo "Somministrazioni AstraZeneca in Toscana 0 96% OLTRE IL 96% DOSI UTILIZZATE"

    “La Toscana – dice a questo proposito lo stessoi presidente Giani – è la Regione più virtuosa per l’utilizzo di Astrazeneca, oltre il 96% delle dosi già somministrate con una media nazionale del 20%”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...