giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Incendi, prorogato al 30 settembre il divieto di bruciare residui agricoli e forestali

    Proroga di 15 giorni dovuta alla previsioni meteo, che per tutto settembre indicano tempo sereno

    FIRENZE – E' stato posticipato al 30 settembre il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi e il conseguente divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali su tutto il territorio regionale.

     

    La proroga di ulteriori quindici giorni si è resa necessaria a causa del previsto mantenimento, per tutto il mese di settembre, di condizioni meteo stabili.

     

    Il Consorzio LaMMA fornisce indicazioni sul probabile instaurarsi di un periodo di alta pressione, con bassa probabilità di pioggia, fino a fine settembre e con temperature superiori alla norma almeno fino al 20 del mese.

     

    Oltre al divieto di abbruciamento di residui vegetali, nel periodo a rischio il regolamento forestale della Regione Toscana vieta qualsiasi accensione di fuochi in bosco, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all'interno delle aree attrezzate.

     

    La mancata osservanza delle norme di prevenzione comporta l'applicazione di pesanti sanzioni previste dalle disposizioni in materia.

     

    Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle prescrizioni della normativa per scongiurare il rischio di innesco di incendi e per evitare di incorrere in sanzioni.

     

    I cittadini sono invitati a segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800425425 o al 115 dei vigili del fuoco.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...