sabato 26 Settembre 2020
Altre aree

    Enrico Rossi: “Cresce il sospetto che non si facciano i nomi dei furbetti dell’Inps per il Sì al referendum”

    "L’antiparlamentarismo dei grillini, che volevano “aprire il parlamento come una scatoletta di tonno”, deve essere combattuto e fermato"

    FIRENZE – “Il sospetto che non si facciano i nomi dei 5 parlamentari reprobi per alimentare il sentimento dell’antipolitica è fondato e cresce di fronte alle dichiarazioni di Di Maio, che utilizza lo scandalo per invitare a votare Sì al referendum di settembre sul taglio dei parlamentari”.

    Lo dice il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che così commenta il caso che da due giorni sta facendo discutere tutta l’Italia.

    Ovvero quello dei parlamentari (ma a cascata anche di altri rappresentanti delle istituzioni) che hanno chiesto il bonus da 600 euro.

    “In realtà – prosegue Rossi – non esiste nessun nesso tra l’onestà e la correttezza che dovrebbero contraddistinguere tutti nostri rappresentanti e il loro numero”.

    “C’è invece un nesso – rilancia – tra il fatto che a presiedere l’Inps, da cui viene la notizia dei furbetti, ci sia un uomo messo da Di Maio, il fatto che l’Inps finora non faccia i nomi e l’uso spregiudicato a fini elettorali che lo stesso Di Maio fa della vicenda”.

    “L’antiparlamentarismo dei grillini – attacca Rossi – che volevano “aprire il parlamento come una scatoletta di tonno”, deve essere combattuto e fermato”.

    “Il Pd – esorta il governatore della Toscana – che sembra non avere nessuno dei furbetti tra i suoi, reagisca, prenda l’iniziativa e chieda non solo che si facciano i nomi ma che, una volta accertati i fatti, i parlamentari reprobi siano espulsi dal Parlamento e dai partiti per indegnità di comportamenti”.

    “Il fondo di Avvenire di oggi – cita Rossi – ricorda opportunamente l’articolo 54 della Costituzione: I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore“.

    “Mi chiedo – riflette – se non sia giusto cogliere l’occasione di questo devastante scandalo per predisporre una legge che dia applicazione all’articolo 54 della Costituzione”.

    “Non è facile ma è necessario – conclude – se non vogliamo che la frattura tra politica e cittadini diventi ancora più profonda”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino