mercoledì 5 Agosto 2020
Altre aree

    Autopalio-zoo: stavolta spunta una serpe da un metro… dentro un’auto

    Terrorizzata una donna, inglese di 72 anni, che pensava si trattase di un serpente velenoso

    FIRENZE-SIENA – Caprioli, cani, cavalli, cinghiali, fagiani, gatti. Di tutto e di più sulle carreggiate dell'Autopalio. Stavolta siamo arrivati anche i rettili… dentro le auto.

     

    Ma andiamo con ordine. Sembrava la scena di un film dell’orrore, invece era tutto vero. E’ accaduto ieri pomeriggio a Poggibonsi, presso l’area di servizio “Drove-est”, dove una pattuglia della Sezione di Siena stava monitorando i veicoli sull’Autopalio.

     

    I poliziotti hanno notato una donna che, dopo essere scesa dalla sua auto, ha iniziato a urlare senza dire una parola.

     

    Si sono avvicinati e l’hanno calmata, riuscendo a capire come mai lei, una cittadina inglese di 72 anni, avesse perso la tipica flemma britannica.

     

    Una serpe di oltre un metro si era introdotta nell’abitacolo e lei, mentre guidava, l’ha visto e ha temuto di essere morsa, pensando si trattasse di un serpente velenoso, una vipera magari.

     

    Con cautela gli agenti si sono messi a cercare il rettile che, verosimilmente, era entrato nell’auto dal finestrino, per poi nascondersi sotto i tappetini, tant’è che non ne voleva sapere di uscire fuori.

     

    Con l’aiuto di un meccanico e dei vigili del fuoco la serpe, di specie inoffensiva, è stato individuato e poi liberato nei campi attigui alla Palio.

     

    La donna, che stava tornando nel Regno Unito dopo un impegno di lavoro nel senese, ha ringraziato i soccorritori e ripreso il viaggio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino