lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Trafugata e ritrovata targa strage via de’ Georgofili: sdegno e preoccupazione

    Da parte dell'Associazione dei Familiari. Luigi Dainelli: "Dispiace constatare inconsapevolezza e ignoranza della storia"

    FIRENZE – "In merito alla vicenda della targa commemorativa della strage di via dei Georgofili a Firenze trafugata, ritrovata e riconsegnata alle autorità desideriamo esprimere il nostro sdegno e la nostra preoccupazione".

     

    A parlare è Luigi Dainelli, romolino, i cui familiari (Fabrizio Nencioni, Angela Fiume, le figlie Nadia e Caterina) morirono dopo la scoppio della bomba nella notte fra il 26 e il 27 maggio 1993.

     

    "Sdegno – riprende Dainelli – per l’oltraggio alla memoria delle vittime che in quella via il 27 maggio 1993 persero la vita o rimasero ferite a causa di un vile attentato mafioso, come ormai confermato dall’intero iter processuale e preoccupazione perché anche se, come pare, il gesto è frutto di una bravata infelice ci dispiace constatare l’inconsapevolezza e l’ignoranza relativa ai recenti fatti della storia democratica del nostro Paese e della nostra città di chi ha voluto sottrarre quella targa".

     

    "È l’ennesima occasione – conclude Dainelli – in cui ci sentiamo di ribadire l’importanza della memoria di quanto avvenuto e dell’educazione civica verso le nuove generazioni che non hanno vissuto direttamente quei terribili anni. Vogliamo ringraziare pubblicamente infine Giovanni Gandolfo per aver riconosciuto e riconsegnato subito ai carabinieri la targa; siamo volentieri a disposizione sua e dell’autore o degli autori del misfatto per un incontro, qualora lo desiderassero".

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino