spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Afghanistan, Medici Firenze: “Al fianco delle donne che lavorano nella sanità”

    La Commissione Pari Opportunità dell'Ordine: "Lavoriamo perché l’appello si concretizzi anche in fatti di reale solidarietà. L'indifferenza non deve prevalere"

    FIRENZE – “La Commissione Pari opportunità dell’Ordine dei Medici di Firenze – dichiarano Lucia Toscani, Coordinatrice Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Medici di Firenze e Pietro Dattolo, Presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze – è al fianco delle donne afgane e delle donne che operano nell’ambito sanitario”

    “Ci auspichiamo che non si vanifichi la loro professionalità e il loro immane e generoso lavoro sia il passo verso una più completa partecipazione alla vita sociale, economica e politica del loro Paese”.

    “Bisogna continuare a tenere sotto i riflettori la questione femminile in quell’area, – continuano Toscani e Dattolo – perché solo dalla liberazione delle donne, con il lavoro e l’istruzione potrà nascere un nuovo modo di vivere e sentire e allontanare tutte le forme di oppressione”.

    “L’Ordine dei Medici di Firenze si unisce all’appello dei Presidenti dei Comitati Pari Opportunità degli Ordini forensi italiani condividendone le posizioni e le richieste”.

    “Lavoriamo – concludono – perché l’appello si concretizzi anche in fatti di reale solidarietà. Manterremo alta l’allerta e la vigilanza: l’indifferenza, la solitudine e il buio non devono prevalere”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...