spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coronavirus: l’ordinanza della Regione Toscana per assumere il personale sanitario

    Permette l'assunzione a tempo indeterminato di personale nell'ambito del servizio sanitario regionale

    FIRENZE – Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha firmato l'ordinanza n. 19, quella che permette l'assunzione a tempo indeterminato di personale nell'ambito del servizio sanitario regionale.

     

    Le assunzioni riguardano tutte le professionalità necessarie nei percorsi di assistenza, diagnosi, cura e prevenzione.

     

    Si sta procedendo attingendo alle relative graduatorie disponibili presso Estar, l'ente strumentale della Regione Toscana che si occupa delle forniture di apparecchi e presidi per il Sistema sanitario regionale e, appunto, di tenere graduatorie e di istruire i bandi finalizzati alle assunzioni, per poi fornirle al tutte le Aziende sanitarie interessate.

     

    “Abbiamo dato indicazioni di procedere – spiega il presidente Rossi – con chiamate in ordine di graduatoria. A ciascun candidato è stato comunicata un’Azienda di destinazione identificata da Estar distribuendo gli idonei tra le diverse Aziende in maniera uniforme secondo i fabbisogni definiti dalle stesse e le disponibilità di assunzione nelle tre Aree Vaste comunicate in fase di domanda di partecipazione. Ogni candidato ha due giorni di tempo per comunicare la sua accettazione. Per garantire la tenuta complessiva e la continuità dei servizi, tutti i medici risultati idonei e già assunti a tempo determinato, una volta superati i relativi concorsi saranno assunti a tempo indeterminato dall’Azienda presso cui prestano servizio, secondo l’ordine di graduatoria”.

     

    L'ordinanza prevede inoltre che in caso di limitata disponibilità delle figure professionali attivabili con le misure predette, possano essere conferiti incarichi di lavoro autonomo a personale medico e infermieristico collocato in quiescenza e si ribadisce che questo può dichiarare la propria disponibilità contattando gli uffici del personale delle aziende ed enti del Servizio sanitario regionale.

     

    Si precisa infine che si sta procedendo con tutte le misure idonee a garantire massima celerità per la presa di servizio del personale e la continuità dei servizi in essere limitando, per tutto il periodo dell’emergenza la mobilità, tra Aziende o all’interno dell’Azienda, del personale già in servizio a seguito del conferimento di nuovi incarichi a tempo indeterminato o determinato.

     

    Le disposizioni che contiene possono essere oggetto di ulteriori integrazioni o di eventuali modifiche, in ragione dell’evoluzione del quadro epidemiologico e delle sopravvenute disposizioni normative o amministrative nazionali. Per una migliore comprensione di tutti i particolari tecnico amministrativi contenuti nell'ordinanza, la stessa viene allegata a questo comunicato stampa.

     

    Anche sulla base di quanto previsto da questa ordinanza, il Sistema sanitario regionale ha già provveduto o sta provvedendo all'assunzione di 433 operatori socio sanitari, 1.323 infermieri e 200 medici. Tanti sono quelli che si sono finora dichiarati disponibili a rispondere positivamente alla chiamata ricevuta.

     

    Ma in quest'ultimo caso i contatti e le proposte stanno proseguendo e si conta di arrivare prima possibile a raggiungere il fabbisogno, stimato in circa 400 medici.

     

    I tecnici di laboratorio già assunti o in corso di assunzione sono 31, i tecnici radiologi 51 e gli assistenti sanitari (addetti in particolare all'effettuazione dei tamponi) 17.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...